Sauvignon Challenge

di Riccardo Viscardi 04/06/19
591 |
|
Cantine Premiate Sauvignon Challenge 2019

Conclusa la prima edizione del Concorso Nazionale dei Sauvignon Blanc con smaccata superiorità altoatesina, anche se i vini sudtirolesi costituivano circa la metà dei campioni in concorso.

Ai primi di maggio si è svolto il primo Concorso Nazionale dei Sauvignon Blanc, per il quale sono stato chiamato in giuria. Ci siamo trovati a Penon in Alto Adige, appena sopra Cortaccia, per valutare 85 campioni provenienti per circa il 50% dalla regione ospitante e per il resto dalle altre parti d’Italia. Ogni degustatore ne assaggiava solo 65. I migliori punteggi creavano una finale di 15 vini, da riassaggiare.

L’organizzazione è stata perfetta, sia nel servizio effettuato rapidamente e con temperature ottimali dei vini, che nella anonimizzazione dei campioni, eseguita in modo tale che nessun degustatore aveva le stesse serie di chi gli sedeva accanto. Da sottolineare, però, la grande presenza di degustatori regionali, tra i quali molti enologi, che sebbene non avessero mai in degustazione il proprio vino hanno chiaramente un’idea comune di come approcciare il vitigno e valutare i vini da esso derivanti, ma nulla di grave.

Molto interessante è stato il dibattito a seguito di una degustazione collaterale al concorso che vedeva confrontati dei Sauvignon altoatesini con qualche anno sulle spalle; una degustazione che si è rivelata molto interessante e che ha fatto vedere la longevità di questi vini e come diventino complessi e piacevoli da bere. Nel dibattito seguente si è sviluppato un argomento che ha scaldato gli animi dei relatori, enologi e produttori di vino locali. Il contendere verteva su questo punto: visto che la superficie dedicata a questo vitigno di successo ha superato i 400 ettari, per il futuro e la crescita del vitigno e dell’Alto Adige è necessario indicare delle menzioni territoriali di provenienza? E puntare sui terreni maggiormente vocati che gli addetti ai lavori già conoscono e riconoscono grazie alle loro caratteristiche? Oppure conviene puntare a vini selezionati da zone diverse onde ottenere il miglior risultato possibile? Nel dibattito la contrapposizione maggiore era tra i rappresentanti delle cantine sociali apertamente schierati per la seconda ipotesi, mentre i viticoltori presenti erano decisamente per la possibilità, come alcuni già indicano in etichetta, di avere delle menzioni territoriali ben definite. L’argomento è molto interessante in un’ottica di crescita territoriale, speriamo che dalle contrapposizione nasca un percorso comune positivo per il territorio e per tutti i produttori coinvolti, grandi e piccoli.

Per la cronaca il concorso dei Sauvignon 2017 ha visto sul podio 3 vini altoatesini: al primo posto Kellerei Andrian, Sauvignon Andrius, al secondo Franz Haas, Sauvignon blanc e al terzo Weingut Kornell, Sauvignon Oberberg. Un denominatore comune dei vini è che provengono da vigneti piuttosto elevati, un elemento che fa la differenza.

Nella mia classifica della finale il podio era leggermente diverso anche se due vini erano presenti (in calce le mie preferenze) e i miei punteggi erano superiori a quelli ottenuti nella classifica finale. Purtroppo in finale non mi sono giunti alcuni vini che avevano avuto punteggi elevati nelle qualificazioni, come Vie di Romans Sauvignon Piere 2017, Colterenzio Sauvignon Lafoa 2017, Cantina di Merano Sauvignon 2017. Inoltre in finale due vini erano diversi rispetto alla prima degustazione, probabilmente l’omogenizzazione delle bottiglie per avere un campione unico è stata meno meno fortunata: a farne le spese il Flora di Girlan e il Sauvignon di Baron Widmann.

Questi i miei vini preferiti:

AA Sauvignon Oberberg 2017 Kornell

91/100 - € 29

Da uve sauvignon di un’unica parcella a 550 metri nella località di Appiano Monte. Affinamento in acciaio sulle fecce fini per 7 mesi. Paglierino scarico con riflessi verdolini. Olfatto nitido, intenso su toni silvestri di pino, bosco invernale, poi note più calde di bosso e sandalo molto accattivanti. Fase gustativa a trama media, verticale, con equilibrata sapidità che dona bevibilità. Il finale è saporito accattivante, intenso e persistente.

 

AA Sauvignon Blanc 2017 Franz Haas

90/100 - € 20

Da uve sauvignon coltivate tra 400 e 800 metri nel comune di Aldino. Fermenta e parte in acciaio e parte in barrique e vi matura per circa 8 mesi sulle fecce fini. Paglierino. Olfatto classico e molto nitido su note verdi nonostante il millesimo. Foglia di pomodoro, sambuco, pino marittimo e pinoli. Fase gustativa nervosa e salina a trama media ma incisiva e mai spenta. Ottima la corrispondenza gusto olfattiva nel finale che risulta persistente e coerente.

 

AA Sauvignon Riserva 2017 Kellerei Bozen

90/100 - € 26

Da uve sauvignon di caldi e ripidi pendii porfirici del Renon sopra Bolzano a 550 metri di altitudine. Fermentazione e maturazione in barrique e tonneau. Paglierino con venature giallo-verdi. Olfatto intenso con un tocco affumicato di gran classe, poi le note silvestri di bosco invernale, ortica ed eucalipto, bosso e sandalo. Bocca a trama fitta ma ben articolata grazie alla sapidità che sorregge bene. La progressione risulta verticale e intensa con un finale di ottima classe.

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Oberberg 2017
Alto Adige
Kornell 04/06/19 Riccardo Viscardi Da uve sauvignon di un’unica parcella a 550 metri nella località di Appiano Monte. Affinamento in acciaio sulle fecce fini per 7 mesi. Paglierino scarico con riflessi verdolini. Olfatto...
Leggi tutto
Sauvignon Blanc 2017
Alto Adige
Franz Haas 04/06/19 Riccardo Viscardi Da uve sauvignon coltivate tra 400 e 800 metri nel comune di Aldino. Fermenta e parte in acciaio e parte in barrique e vi matura per circa 8 mesi sulle fecce fini. Paglierino. Olfatto classico e...
Leggi tutto
Sauvignon Riserva 2017
Alto Adige
Cantina Bolzano 04/06/19 Riccardo Viscardi Da uve sauvignon di caldi e ripidi pendii porfirici del Renon sopra Bolzano a 550 metri di altitudine. Fermentazione e maturazione in barrique e tonneau. Paglierino con venature giallo-verdi. Olfatto...
Leggi tutto
Logo Kornell
13/07/13 Redazione Lʼazienda di Florian Brigl si trova in una frazione di Terlano piccola ma famosa per le sue antiche tradizioni vinicole. Il primo imbottigliamento risale al 2001, anche se la storia come...
Leggi tutto
Logo Franz Haas
13/06/12 Redazione I vini di Franziscus (Franz) Haas sono conosciuti in tutto il mondo. Merito di sette generazioni di indefessi lavoratori, ma indubbiamente il contributo di Franz e di sua moglie Luisa Manna è...
Leggi tutto
Logo Cantina Bolzano
24/12/11 Redazione Si tratta di una delle realtà produttive più importanti dellʼAlto Adige per storia e qualità dei vini, nata nel 2001 dalla fusione tra le cantine di Gries (fondata nel 1908)...
Leggi tutto




Editoriale della Settimana

Eventi

Agosto 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL