Il futuro nero dell’Alsazia

di Andrea Zarattini 10/07/18
1215 |
|
Anteprima Vin d'Alsace Pinot Noir Andrea Zarattini DoctorWine

L’Alsazia è una regione sinonimo di bianchi ma generosa di interessanti sorprese riferite ai Pinot Noir.

Tra l’11 e il 13 giugno si è svolta a Colmar la biennale presentazione dei vini d’Alsazia alla stampa. La regione delle cicogne è sinonimo di bianchi semiaromatici o aromatici (90% della produzione totale), immaginatevi quindi l’azzardo di partire con l’idea di fare un focus sui pinot noir. L’intento non era di ottenere una definizione di Pinot Noir alsaziano, obiettivo illusorio e fuorviante, ma di delineare un identikit dell’unica uva a bacca nera ammessa nella regione e di decifrarne l’inevitabile rapporto con la rinomata Borgogna.

L’Alsazia è un mosaico variegato totalmente indecifrabile se osservato da vicino, occorre una visione d’insieme dell’intero disegno per capire il territorio vinicolo più schizofrenica della Francia. La storia, l’architettura, lo sviluppo, la gastronomia e l’enologia risentono della secolare partita a ping pong tra Francia e Germania per il possesso della regione, così in Alsazia si respira un affascinante mix culturale.

Poche preliminari coordinate sono necessarie per facilitare la lettura di questo reportage di degustazione.

L’Alsazia si sviluppa da nord a sud per circa 100 km, tra Strasburgo e Mulhouse, con circa 15.600 ha vitati ad Aoc (per circa 1.100.00 hl prodotti ogni anno). L’intera regione è posizionata a latitudini settentrionali ma è caratterizzata da un clima caldo e asciutto, questo perché in pratica è un corridoio verticale protetto dal maltempo francese (ad ovest) dalla catena montuosa dei Vosgi mentre è difesa (ad est) dalla Foresta Nera dalle precipitazioni tedesche. L’Alsazia è dunque un unico lungo piano inclinato da ovest ad est, separato dalla Germania dal fiume Reno.

Facile spiegare l’organizzazione delle denominazioni alsaziane: circa 51 Grand Cru (ne sono in arrivo di nuovi), nessun Premier Cru (ma stanno arrivando), solo denominazioni regionali e nessuna denominazione di villaggio. Le denominazioni regionali sono accompagnate dal nome del vitigno, es. Alsace Riesling, Alsace Pinot Gris, Alsace Pinot Noir...

Cominciamo da paragoni scomodi. Se studiamo il terroir di Volnay scopriamo una presenza di 300 m²/g di argilla esattamente come Manbourg, a La Tache si rilevano valori di 500 m²/g proprio come a Richebourg, ciò significa idoneità alla coltivazione del pinot nero. Idoneo non vuol dire migliore o peggiore, infatti a Musigny troviamo valori ancora maggiori, ma il dato è: in Alsazia uno dei requisiti per la produzione di pinot nero di qualità è presente.

Il vino è cultura ed è sempre antropologicamente sbagliato confrontare un sistema alla luce delle logiche di un altro. Il pinot noir arrivò in Alsazia nove secoli fa grazie ai monaci borgognoni, possiamo quindi fissare il secondo paletto: il pinot nero è un vitigno autoctono dell’Alsazia.

Altra differenza sostanziale è l’uso del legno. Borgogna è sinonimo di barrique, mentre l’Alsazia ha nella sua tradizione l’utilizzo di botti grandi, esattamente come la Germania di cui per secoli ha fatto parte. Solo recentemente, gli apprezzamenti manifestati dalla critica per vini elevati in barrique ha spinto i produttori a introdurre botti piccole.

Il 38% del pinot noir coltivato in Alsazia è utilizzato per produrre Cremant, quindi sembra indispensabile indicare almeno due etichette che rappresentino bene territorio, vitigno e capacità di spumantizzare: Gruss Crémant d’Alsace Brut Rosé (il naso è composto e serrato ma la bocca è ricca di una miriade di bolle appuntite, chiude perfettamente acido e verticale) e Crémant d’Alsace Brut Francois Schmitt Blanc de Noirs (la cantina è maestra nell’esaltare i sentori varietali delle uve impiegate e nel creare vini ricchi e appaganti, anche questa bottiglia spicca per polpa e cremosità).

Infine può essere utile indicare quattro cru adatti alla produzione di pinot noir:

  • Bollember (Orschwihr) dove nel futuro nasceranno tre Grand Cru, terreni ferrosi che danno pinot neri intensi e potenti;
  • Hengst (Wintzenheim) vini chiusi e forzuti con alti potenziali di invecchiamento:
  • Kirchberg (Ribeauville) eleganti e fruttati ma più esili e minuti;
  • Pfingstberg (Orschwihr) sabbia e arenarie, con temperature fresche, perfette per pinot armonici e floreali.

Ma veniamo ad alcuni assaggi per chi volesse passare al lato oscuro dell’Alsazia.

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Pinot Noir Tradition 2014 Domaine Stentz-Buecher 10/07/18 Andrea Zarattini Da terreni ricchi di calcare e arenarie. Rappresenta, tra gli assaggi fatti, la virtù dell’armonia. È il vino migliore per il passaggio da uno stereotipo di pinot noir borgognone...
Leggi tutto
Pinot Noir Herrenreben 2016 Vins Schoenheitz 10/07/18 Andrea Zarattini Uno strato superficiale sabbioso poggia su uno zoccolo granitico, con percentuali elevate di ferro. Il 2016 è croccante e intenso con un naso di frutta fresca (mora, visciola e sangue), la...
Leggi tutto
Pinot Noir Herrenreben 2015 Vins Schoenheitz 10/07/18 Andrea Zarattini Il 2015 è ampio, arioso e floreale (garofano, viola e pepe rosa ) il sorso è ricco di sensazioni, tra l’agrume, la gelatina di mora, il kirsch e il ricordo di torrefazione....
Leggi tutto
Pinot Noir Rouge comme Renard 2016 Henry Fuchs 10/07/18 Andrea Zarattini Ecco il pinot nero tutto vibrazione e nervo. Brillante nei profumi e nei sapori, senza grosse complessità ma perfetto nel mantenere ciò che promette al naso: granatina di fragola, succo...
Leggi tutto
Coup de Foudre Pinot Noir 2015 Domaine Maurice Griss 10/07/18 Andrea Zarattini Vero colpo di fulmine, il bicchiere da cui cominciare la conoscenza con i pinot noir alsaziani. Senza contaminazioni, profumato, scarico di colore, con una struttura contenuta e una facilità...
Leggi tutto
Les Saintes Claires Pinot Noir 2016 10/07/18 Andrea Zarattini Da un vigneto di solo 0,8 ha, stratificato con calcare nei livelli superficiali e granito in profondità. Lavorazioni essenziali: niente pompe per i travasi, niente filtraggi, fermenta aperto,...
Leggi tutto
Logo Domaine Stentz-Buecher 05/07/18 Redazione
Logo Vins Schoenheitz 05/07/18 Redazione
Logo Henry Fuchs 10/07/18 Redazione
Logo Domaine Maurice Griss 10/07/18 redazione
Logo Domaine Albert Mann 05/07/18 redazione




Eventi

Luglio 2018
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1
2
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL