L’eleganza senza tempo delle icone Duca di Salaparuta

di Marketing & Advertising 08/04/21
1126 |
|
Duca di Salaparuta vigneto

Ancora una novità dalle Tenute Duca di Salaparuta: arrivano le nuove annate dei vini icona Duca Enrico, Bianca di Valguarnera e Nawàri.

Nel 2020 Nawàri è entrato a far parte delle Icone Duca di Salaparuta insieme a Duca Enrico e Bianca di Valguarnera. A questi vini simbolo dell’enologia siciliana, nati dal desiderio dell’azienda, fondata nel 1824, di celebrare due grandi vitigni autoctoni siciliani - il Nero d’Avola e l’Insolia - capaci di esprimere al meglio l’anima di una terra unica, si è aggiunto dunque il primo pinot nero allevato sull’Etna. Una delle sfide enologiche più interessanti di Duca di Salaparuta, che con la nuova annata appena arrivata sul mercato, la 2018, si conferma come uno dei vini che maggiormente riescono ad interpretare in modo personale un territorio speciale come quello della tenuta di Vajasindi, alle pendici dell’Etna.

Il vino più famoso di Duca di Salaparuta rimane però Duca Enrico, un vino dall’eleganza classica creato nel 1984, come primo nero d’Avola siciliano in purezza. Duca Enrico nasce dalla selezione delle uve di alcune delle vigne della Tenuta Suor Marchesa, nel cuore della Sicilia, e da quest’anno è affidato alle sapienti mani dell’Enologo Barbara Tamburini. Uno dei grandi rossi dell’enologia italiana di cui vengono presentate tre nuove annate, 2015, 2016 e 2017, che anticipano l’annata 2018, la prima firmata da Barbara Tamburini, e che raccontano l’evoluzione dei profumi e dei sapori di questo vitigno dalle mille sfaccettature.

Insieme a Duca Enrico però Duca di Salaparuta presenta anche la nuova annata di un altro dei suoi vini più iconici, Bianca di Valguarnera 2016, che racchiude tutta l’intensità dell’Insolia della Tenuta di Risignolo in un vino raffinato e dalla personalità indimenticabile.

Duca Enrico | VENDEMMIA 2015

Dopo aver trascorso un minimo 18 mesi in piccoli fusti di quercia nobile, nei quali acquisisce complessità, stile e longevità, e dopo il periodo di affinamento in bottiglia, Duca Enrico 2015 alla vista regala un color rosso rubino profondo, cupo e con riflessi granati appena accennati. Al naso i profumi sono giovani ma mostrano equilibrio e complessità olfattiva. I sentori di frutta matura, dove primeggia la marasca, si uniscono alle note speziate di liquirizia e tabacco e vengono ammorbiditi dai profumi di viola e rosa appassita, che al palato si traducono in un vino dal tannino vellutato, in cui le sfumature fruttate si ripresentano chiare. Robusto e di buona struttura Duca Enrico 2015 si annuncia ricco di potenzialità.

Duca Enrico | VENDEMMIA 2016

Le caratteristiche dell’annata si concentrano nel bicchiere. Il palato è rotondo, con una buona acidità e un tannino evidente ma vellutato ed elegante, persistente e contraddistinto da una grande finezza in crescita. Il colore rubino intenso e brillante anticipa al naso i piacevoli profumi di ciliegia e piccoli frutti rossi, con sensazioni di vaniglia, che nel tempo evolveranno accentuando le sfumature di incenso ed eucalipto già percepibili. Duca Enrico 2016 si conferma un vino di grande struttura, destinato alla longevità.

Duca Enrico | VENDEMMIA 2017

Il caldo sole dell’annata 2017 si traduce in un vino che in bocca regala profondità, struttura e personalità particolari. Il sorso si apre con un attacco ricco di acidità e tannino, ma allo stesso tempo elegante e con una grande persistenza fruttata, caratterizzata dal ritorno nitido dei sentori di marasca matura anticipati al naso. Il profumo nel calice, infatti, è quello di piccoli frutti rossi maturi, con note di vaniglia, frutta secca e tenui sentori balsamici. Duca Enrico 2017 concentra tutte le caratteristiche più tipiche del nero d’Avola, unite alla consueta grazia che è la firma Duca di Salaparuta.

Bianca di Valguarnera | VENDEMMIA 2016

Dopo aver trascorso 12 mesi in barrique sui propri lieviti e un periodo di affinamento in bottiglia l’insolia di Bianca di Valguarnera regala una grande complessità olfattiva. Al naso si percepiscono per prime le note floreali del gelsomino e della zagara, accompagnate da un delicato sentore di crosta di pane. I profumi di macchia mediterranea si traducono poi al palato in un vino dal tannino deciso, caratterizzato da buona acidità e una lunghezza notevole. Freschezza e struttura si armonizzano in questo elegante e nobile bianco siciliano.

Nawàri | VENDEMMIA 2018

L’andamento climatico dell’anno ha offerto sfumature inedite a questo vitigno che anche nel 2018 conferma un palato dalla personalità intensa, con un tannino evidente, ma si dimostra più ampio e garbato. La struttura decisa e l’elegante freschezza in bocca sono accompagnate al naso da sentori di piccoli frutti rossi maturi e note di vaniglia che invogliano all’assaggio. Nawàri è un vino unico, una sfida enologica che ogni anno acquisisce nuove dimensioni e sfumature appassionando i Wine Lover.

Prodotti Correlati

Articoli Correlati

  Prodotto Pubblicato il Autore Categoria Leggi
Duca di Salaparuta: la nuova linea Calanìca 01/06/2020 Marketing & Advertising Companies Inform
Le novità delle tenute Duca di Salaparuta 08/10/2020 Marketing & Advertising Companies Inform




Editoriale della Settimana

Eventi

Dicembre 2021
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
2
3
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
https://bagliodipianetto.it/?utm_source=https%3A%2F%2Fwww.doctorwine.it%2F&utm_medium=banner&utm_campaign=Baglio+di+Pianetto&utm_id=Baglio+di+Pianetto
https://bagliodipianetto.it/?utm_source=https%3A%2F%2Fwww.doctorwine.it%2F&utm_medium=banner&utm_campaign=Baglio+di+Pianetto&utm_id=Baglio+di+Pianetto

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL