La Sicilia nel bicchiere: Rosso del Conte

di Riccardo Viscardi 04/03/22
487 |
|
Alberto Tasca d'Almerita

Un vino ammaliante dalla struttura importante. Vino di carattere e personalità che racconta il suo territorio.

Sono pochissime le aziende italiane che posseggono il privilegio di avere tramandato la tradizione territoriale e al contempo di avere traghettato e accompagnato il territorio nella sua evoluzione negli ultimi 40 anni. L’azienda guidata da Lucio Tasca fino al decennio scorso, ha il merito di aver traghettato la Sicilia da esportatrice di vini da taglio a basso costo a regione dal futuro luminoso per l’enologia mondiale. Non è stato solo nel percorso ma sicuramente uno dei capostipiti delle rivoluzioni, ben tre che hanno interessato la Sicilia negli ultimi decenni. 

Ora il timone aziendale è nelle mani di Alberto Tasca che continua nella carriera visionaria e brillante del padre con acquisizioni e progetti molto mirati e di altissima qualità. Il “claim” aziendale è significativo di come la famiglia interpreti il proprio ruolo nella viticultura siciliana:Vigne custodite dalla famiglia Tasca d’Almerita”. 

La verticale riguarda il Rosso del Conte, un vino fondamentale nella cultura enologica italiana, il primo vino siciliano a provenire da una unica vigna, quella di San Lucio, piantata ad alberello con Nero d’Avola e Perricone nel 1959. Si estende per circa 7 ettari, a un’altitudine è di 480 metri sul livello del mare, l’esposizione a sud-sudest. Il suolo è di colore bruno giallastro, franco-sabbioso, in parte calcareo, con una lieve presenza di scheletro. Il primo vino Rosso del Conte fu del 1970 ma possiamo dire che con l’annata 1973 il vino prende la sua fisionomia definitiva. 

Con l’annata 2010 è stata riproposta la Riserva del Conte, un vino che affonda le sue radici in quel vino degli anni Settanta per i legni usati per l’invecchiamento, che sono di castagno da 500 litri, e anche per il blend che vede il Perricone (60%) prioritario sul Nero d’Avola (40%). Le due annate proposte, la 2010 e la 2016, al di là del fascino del progetto di recupero della tradizione non mi sono sembrate superiori al Rosso del Conte annata. 

Ma vorrei ricordare anche lo Chardonnay e il Cabernet Sauvignon dalla Vigna San Francesco sempre nella tenuta Regaleali, che negli anni Novanta hanno permesso di entrare nei mercati esteri imponendo uno stile e il territorio siciliano all’attenzione della stampa estera. Il progetto sull’isola di Mozia con il Grillo, quello a Salina con la Malvasia ed anche la tenuta Tascante sull’Etna. Tutti vini di grandissima qualità e assoluta attinenza al territorio. 

Per la verticale sono state scelte annate fresche e non le migliori proprio per verificare la tenuta: i risultati sono meravigliosi.

Rosso del Conte 1983

96/100 – Fuori commercio

90% Nero d’Avola e 10% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Maturazione in botti di castagno da 30-60 hl per oltre 26 mesi. 

Rubino vivo. Olfatto su prugna, carruba poi si apre su note speziate, balsamiche e di incenso molto intriganti. Trama gustativa elegante, scattante, con tannini risolti ma una freschezza che colpisce, un vino integro e vibrante dal finale saporito ancora dopo quasi 40 anni. Evviva. 

Rosso del Conte 1998 

92/100 - € 120

60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in barrique e tonneau per 24 mesi. 

Rubino brillante. Olfatto sulla spezia scura, note balsamiche di eucalipto, accenni terrosi di sottobosco autunnale, caffè e arancia gialla. Trama gustativa verticale, piuttosto affilata con il tannino ancora scalpitante.

Rosso del Conte 2001 

92/100 - € 100

60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in barrique e tonneau oltre 24 mesi. 

Una versione controversa. Rubino intenso. Olfatto austero, che si apre lentamente su kumquat, frutto scuro e note di caffè. Trama gustativa compatta, quasi muscolare e nervosa con tannini di ottima qualità molto levigati. Progressione succosa, ampia, con la traccia tannica che si fa sentire e sorregge il sorso. Finale intenso.

Rosso del Conte 2006 

95/100 - € 40

60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in tonneau e barrique, la fermentazione è in acciaio e per la prima volta si ha il controllo della temperatura. 

Rubino intenso. Olfatto intrigante su arancia rossa, floreale scuro, mora, mirtillo, una nota speziata gialla. Trama gustativa compatta ed elegante con un buon sostegno tannico che aiuta la beva e dona verticalità al sorso ed eleganza alla progressione. Il finale è di grande armonia e persistenza.

Sicilia Contea di Sclafani Rosso del Conte 2010 

95/100 - € 40

60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in tonneau e barrique per almeno 24 mesi. 

Rubino intenso. Olfatto nitido e intenso su alcune note balsamiche di eucalipto, fiori rossi, frutto nero e un tocco di spezia scura oltre al’arancia rossa. Trama fitta ma elegante, scorrevole con tannini presenti ma di ottima fattura. La progressione è avvincente e il finale austero, equilibrato e molto persistente. Un’ottima versione.

Sicilia Contea di Sclafani Rosso del Conte 2016

95/100 -  € 45,00

53% Nero d’Avola e 47% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura per 18 mesi in barrique nuove. 

Rubino intenso, brillante e ben tenuto. Fruttato rosso nitido con lontane speziature scure, prugne rosse e un tocco affumicato. Trama gustativa fitta, con tannini giovanili ma di ottima fattura. Bella e gustosa la progressione, austera nel carattere ed espressiva dell’anima che alberga in questo vino. Finale intenso persistente e fresco. 

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Rosso del Conte 1983
Sicilia
Tasca d’Almerita 04/03/22 Riccardo Viscardi 90% Nero d’Avola e 10% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Maturazione in botti di castagno da 30-60 hl per oltre 26 mesi.  Rubino vivo. Olfatto su prugna, carruba poi si apre su...
Leggi tutto
Rosso del Conte 1998
Sicilia
Tasca d’Almerita 04/03/22 Riccardo Viscardi 60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in barrique e tonneau per 24 mesi.  Rubino brillante. Olfatto sulla spezia scura, note balsamiche di eucalipto,...
Leggi tutto
Rosso del Conte 2001
Sicilia
Tasca d’Almerita 04/03/22 Riccardo Viscardi 60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in barrique e tonneau oltre 24 mesi.  Una versione controversa. Rubino intenso. Olfatto austero, che si apre...
Leggi tutto
Rosso del Conte 2006
Sicilia
Tasca d’Almerita 04/03/22 Riccardo Viscardi 60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in tonneau e barrique, la fermentazione è in acciaio e per la prima volta si ha il controllo della...
Leggi tutto
Rosso del Conte 2010
Sicilia
Tasca d’Almerita 04/03/22 Riccardo Viscardi 60% Nero d’Avola e 40% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura in tonneau e barrique per almeno 24 mesi.  Rubino intenso. Olfatto nitido e intenso su alcune note balsamiche di...
Leggi tutto
Rosso del Conte 2016
Sicilia
Tasca d’Almerita 04/03/22 Riccardo Viscardi 53% Nero d’Avola e 47% Perricone della vecchia vigna San Lucio. Matura per 18 mesi in barrique nuove.  Rubino intenso, brillante e ben tenuto. Fruttato rosso nitido con lontane speziature...
Leggi tutto
Logo Tasca d’Almerita
31/03/12 Redazione Una delle cantine più famose e prestigiose d’Italia. Se ne occupa Alberto Tasca d’Almerita, figlio di Lucio e nipote del fondatore Giuseppe Senior, “Il conte Tasca” per...
Leggi tutto

Articoli Correlati

  Prodotto Pubblicato il Autore Categoria Leggi
Nobile nel DNA: Cabernet Sauvignon Tasca (1) 26/02/2014 Stefania Vinciguerra Vertical tastings
Nobile nel DNA: Cabernet Sauvignon Tasca (2) 27/02/2014 Stefania Vinciguerra Vertical tastings




Editoriale della Settimana

Eventi

Dicembre 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
1
2
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL