Sciarr – D’Alesio, un’azienda in movimento

di Vignadelmar 06/11/20
770 |
|
Sciarr D'Alesio vini Umbria panorama

Lanfranco e Giovanni D’Alesio, zio e nipote, studiano e provano, sbagliano e imparano, mettono a punto una produzione di ottimo livello tutta basata sugli autoctoni abruzzesi.

L’azienda vinicola Sciarr, della famiglia D’Alesio, ha radici abbastanza lontane: Mario D’Alesio, per 45 anni professore di Agraria in Abruzzo, ha trasmesso la passione per la terra, prima ai figli, poi ai nipoti. Che lo hanno ricambiato dedicandogli i due vini di punta, i due cru aziendali, un montepulciano e un trebbiano, appunto denominati “Tenuta del Professore”.

È un’azienda in movimento, capitanata da uno dei due figli del professore, Lanfranco, e da Giovanni, figlio di suo fratello. In movimento, nel senso positivo del termine: stanno ancora studiando, devono ancora capire come mettere a fuoco al meglio l’intera produzione. Però quando sbagliano adottano una sola soluzione, si manda tutto a distillare, perché anche lo sfuso deve essere buono. Gli ultimi risultati gli stanno dando ragione e sono frutto di un grande impegno economico e personale. Lavorano solo vitigni del territorio: montepulciano, trebbiano, pecorino e i semisconosciuti montonico e cococciola. Sono entusiasticamente bio certificati, anche nella produzione di olio. 

Il nostro lungo tour aziendale è stato guidato da Lanfranco, personaggio schietto, apparentemente severo e burbero. Però disponibile e simpatico, diciamo che Goldoni si sarebbe potuto ispirare a uno come lui nello scrivere una delle sue più brillanti commedie. Siamo saliti sulla vecchia e robustissima Land Rover e siamo andati ad inerpicarci su e giù per i vigneti. Montepulciano e trebbiano sono coltivati seguendo la tradizionale pergola abruzzese; mentre percorriamo questi vigneti, Lanfranco ci fa notare quanto il colore delle foglie della vigna del vicino (a non più di due metri di distanza), condotto in agricoltura convenzionale, siano più gialle e opache delle proprie: se andate a guardarlo dall’altra collina si nota ancora di più, ci dice orgoglioso! 

I terreni dove impiantare i vigneti sono stati scelti con cura certosina, alternando quelli con esposizione in pieno sole ad altri dove l’esposizione estiva diretta è solamente per circa mezza giornata. Così facendo, lavorando anche sull’apparato fogliare, combattono il nemico numero uno, il riscaldamento globale. La cura dei vigneti è maniacale, in cantina si porta solo uva perfetta.

In questo primo articolo, mi soffermerò solo nell’analisi dei due vini di punta. Pur avendo assaggiato tutta la produzione, per scriverne compiutamente, preferisco aspettare giungano a maturazione tutti quei vini che ho assaggiato direttamente dai tini di acciaio e dalle botti: non sono pochi. Mi hanno particolarmente colpito i 2017, frutto di un’annata torrida, che qui sembra abbiano interpretato in maniera magistrale. Ma lo sapremo con maggiore sicurezza fra un po’ di mesi.

Partiamo dal Trebbiano. Il base fermenta e affina solo in acciaio, per 9 mesi, cui seguono almeno due mesi di bottiglia. Invece, per il trebbiano di punta, il Trebbiano Tenuta del Professore, il mosto viene messo a decantare staticamente a freddo, poi a fermentare in acciaio e successivamente a maturare in botti di rovere di Allier per minimo 18 mesi. Successivamente, dopo un affinamento minimo di 6 mesi in bottiglia, è pronto per essere venduto.

Il Montepulciano base fermenta per 15 giorni in acciaio, dove affina per circa 10 mesi, cui seguono almeno tre mesi di bottiglia. Invece il Montepulciano Riserva Tenuta del Professore, fermenta in acciaio per 15 giorni, poi matura in botte grande di Allier per massimo 24 mesi e affina in bottiglia per minimo 6 mesi.

L’azienda è molto bella, potete tranquillamente venire ad assaggiarne la produzione e ad acquistarne i prodotti. Se siete un gruppetto di persone potreste anche prenotare un pranzo, con annessa adeguata degustazione enologica. Per ogni indicazione vi rimando al sito aziendale. 

Infine vorrei dedicare alcune righe alla produzione di olio extravergine di oliva (evo). Ne hanno una bella quantità, di varie cultivar differenti, con le quali realizzano un blend di grande qualità e bontà, frutto anche delle ottime capacità del frantoiano. Purtroppo Lanfranco non crede molto nella produzione di oli monovarietali e questo secondo me è uno spreco: personalmente credo fermamente che chi dà il massimo nel produrre vino, debba dare il massimo nel produrre oli monovarietali che valorizzino il territorio.

Trebbiano d’Abruzzo Tenuta del Professore 2014

94/100 - € 27,00 

Da uve 100% trebbiano, matura 18 mesi in botte grande. Bel colore oro carico dai riflessi verdi. Le note olfattive sono intense e varie: macchia mediterranea, tiglio, ginestra, qualche nota affumicata e una decisa impronta iodata. In bocca è coerente, secco, dritto, salato, elegante e di ottima persistenza.

Bottiglie prodotte 4.000.

Trebbiano d’Abruzzo Tenuta del Professore 2015

92/100 - € 30,00 

Da uve 100% trebbiano, matura 18 mesi in botte grande. Si presenta con un bel colore oro carico dai riflessi giallini. Le note olfattive sono decisamente floreali, di camomilla, timo, frutta bianca matura con ritorni di mandorla e iodati. Bocca coerente, più larga che verticale, comunque di buona piacevolezza complessiva, aiutata anche da una nota salata e una buona persistenza.

Bottiglie prodotte 4.000.

Montepulciano d’Abruzzo Riserva Tenuta del Professore 2015

96/100 - € 48,00 

Da uve montepulciano, matura 24 mesi in botte grande. Colore rosso rubino scuro, dai riflessi neri. Naso di frutta rossa matura, sottobosco, tabacco, ferro e spezie dolci. Bocca coerente, contemporaneamente aggressiva e potente, ma anche di grande eleganza, grazie a tannini fini e dolci e anche a una persistenza davvero notevole, per un sorso che azzarderei a definire, nonostante tutto, di grande agilità. Mi è piaciuto veramente molto.

Bottiglie prodotte 4.000.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Settembre 2021
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
6
7
8
9
21
23
24
25
26
27
28
29
30
·
·
https://www.berlucchi.it/
https://www.decugnanodeibarbi.com/

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL