I premi speciali 2023

di Redazione 23/09/22
264 |
|
Premi Speciali GDW 2023

Portare sotto la lente alcuni vini soprattutto, ma anche aziende, persone, progetti che ci colpiscono particolarmente anno dopo anno. Questo è il senso dei premi speciali che assegniamo sulla Guida Essenziale ai Vini d’Italia e che contribuiscono a fare luce sullo stato della nostra vitienologia. 

E partiamo dai nostri migliori vini per categoria. Il Vino Rosso dell’Anno è il Rosso Breg 2007 di Gravner, un vino controcorrente prodotto da uve Pignolo, che fermenta sulle bucce in anfore interrate ed esce dopo 5 anni di botte e oltre 9 di bottiglia. Un vino corposo e profondo, perfettamente equilibrato. Come Vino Bianco dell’Anno, invece, abbiamo premiato un grande classico, il Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva Villa Bucci 2019 Bucci, che ci ha incantato per la sua eleganza e infinita persistenza.

Il Vino Rosato dell’Anno si annida in uno dei territori storici per i rosati italiani, la Puglia, ed è il nuovo nato di casa Garofano Vigneti e Cantine: il Salento Rosato Clò de Girofle 2021 dove al vitigno locale per eccellenza, il Negroamaro, si unisce il 15% di Montepulciano. Come Vino Vivace dell’Anno (definito così per non urtare la suscettibilità di chi, per disciplinare, non vuole usare il termine generico “spumante” o anche “bollicine”, con qualche ragione) abbiamo scelto il Franciacorta Pas Dosé Au Contraire 2011 di Cavalleri, che viene prodotto solo in alcune annate considerate degne e affidabili, in pratica nelle annate migliori.

Il Vino Dolce dell’Anno è il Cuore di Donna Daria del Conte Emo Capodilista - La Montecchia, un vino prodotto con un blend delle migliori 10 annate di Colli Euganei Donna Daria Fior d’Arancio Passito.  Un’assoluta delizia. Per quanto riguarda il premio L’Esordio Vincente, dedicato al vino che esce sul mercato per la prima volta in assoluto e riesce a ottenere un risultato straordinario, ci ha convinto il Chianti Classico Gran Selezione Terrazze San Leolino 2019 di un’azienda storica come Fontodi, un vino di grande finezza e dinamicità.

Veniamo ora a un premio molto caro al pubblico, Il Vino dal Miglior Rapporto Qualità/Prezzo, che incorona un altoatesino, il Lago di Caldaro Classico Superiore 2021 Cantina Caldaro (o, come direbbe un altoatesino, Kalterersee Classico Superiore 2021 Kellerei Kaltern), un rosso di lunga tradizione che vede i suoi vigneti circondare il lago. Lo si trova in vendita a circa € 8 e ha preso la bellezza di 94/100 in degustazione cieca. Ci spostiamo in Piemonte per trovare il vincitore del Premio per la Qualità Diffusa, assegnato a un vino che coniuga alta qualità con un notevole numero di bottiglie prodotte, che permettono quindi una facile reperibilità sul mercato. Si tratta del Barolo 2018 Batasiolo, un grande classico proposto a un prezzo decisamente abbordabile.

Continuiamo con gli altri riconoscimenti e passiamo a quelli dedicati alle aziende. Il premio Azienda dell’anno, per la cantina che si è rivelata particolarmente performante, quest’anno va in Sicilia, a Tasca d’Almerita, un’azienda emblematica per la regione, protagonista della rinascita del vino siciliano. Lo spazio che dedichiamo in guida ad ogni azienda si è rivelato insufficiente a segnalare la quantità di vini di altissimo livello che l’azienda propone dalle sue diverse tenute. Abbiamo cercato di dare un’idea generale, ma il consiglio è di andarli a cercare e scoprirli uno per uno.

Il Produttore Emergente, cioè la novità sconosciuta o quell’azienda poco nota che sta facendo balzi da gigante, è piemontese. Si tratta di Mura Mura, giovane azienda a Costigliole d’Asti che ha proposto dei Barbaresco davvero ben fatti. Siamo certi che Guido Martinetti e Federico Grom andranno lontano. Abbiamo poi il Premio Cooperazione, dedicato alle cantine sociali, che vede vincitrice la Cantina Bolzano, una delle realtà produttive più importanti dellʼAlto Adige per storia e qualità dei vini. 

E passiamo ai premi alle persone. Il Winemaker dell’Anno è Christian Scrinzi, direttore tecnico e di produzione del Gruppo Italiano Vini, che significa quasi 100 milioni di bottiglie tutte molto più che corrette e molto davvero ottime. Per la Vitienologia Sostenibile, riconoscimento assegnato a chi s’impegna a favore dell’eco sostenibilità nei modi più diversi, abbiamo ritenuto che l’argomento avesse un suo paladino nel toscano Pasquale Forte, che con il suo Podere Forte nell’Orcia ha creato un ambiente dove sostenibilità e salubrità sono in primo piano. Il riconoscimento Una vita per il vino, che vuole sottolineare il ruolo e l’impegno di un protagonista della scena vitivinicola italiana, quest’anno viene assegnato al produttore nonché cavaliere del lavoro Bruno Ceretto, da oltre sessant’anni sulla cresta dell’onda.

Per concludere, il Premio Progetto Qualità vede protagonista la Fondazione SOStain, con il programma di sostenibilità per la vitivinicoltura in Sicilia, prima regione in Italia per area agricola dedicata alla produzione biologica, promosso dal Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia e da Assovini Sicilia.

RICAPITOLANDO:

Vino Rosso dell’Anno
Rosso Breg 2007 Gravner, Friuli Venezia Giulia 

Vino Bianco dell’Anno
Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva Villa Bucci 2019 Bucci, Marche

Vino Rosato dell’Anno
Salento Rosato Clò de Girofle 2021 Garofano Vigneti e Cantine, Puglia

Vino Vivace dell’Anno
Franciacorta Pas Dosé Au Contraire 2011 Cavalleri, Lombardia

Vino Dolce dell’Anno
Cuore di Donna Daria Conte Emo Capodilista - La Montecchia, Veneto

L’Esordio Vincente
Chianti Classico Gran Selezione Terrazze San Leolino 2019 Fontodi, Toscana

Vino dal Miglior Rapporto Qualità/Prezzo
Lago di Caldaro Classico Superiore 2021 Cantina Caldaro /Kalterersee Classico Superiore 2021 Kellerei Kaltern, Alto Adige

Premio per la Qualità Diffusa
Barolo 2018 Batasiolo, Piemonte

Azienda dell’anno
Tasca d’Almerita, Sicilia

Produttore Emergente
Mura Mura, Piemonte

Premio Cooperazione
Cantina Bolzano, Alto Adige 

Winemaker dell’Anno
Christian Scrinzi

Vitienologia Sostenibile
Pasquale Forte, Podere Forte, Toscana

Una vita per il vino
Bruno Ceretto

Premio Progetto Qualità
Fondazione SOStain, promosso dal Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia e da Assovini Sicilia

VI ASPETTIAMO A MILANO 

DOMANI E DOPODOMANI

E A ROMA

DOMENICA 9 OTTOBRE!

Articoli Correlati

  Prodotto Pubblicato il Autore Categoria Leggi
I migliori vini per rapporto qualità/prezzo 2023 21/09/2022 Redazione Guides
I migliori vini da monovitigno 2023 22/09/2022 Redazione Guides




Editoriale della Settimana

  • Super bianchi

    di Daniele Cernilli 26/09/22

    Con appena alle spalle la presentazione della Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2023 (ieri e...

Eventi

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL