Tagliata di manzo con radicchio stufato

di Iolanda Maggio 02/04/22
254 |
|
Tagliata di manzo con radicchio stufato con Alto Adige Pinot Nero Lafòa 2018 Colterenzio

Completiamo con scaglie di parmigiano e riduzione al vino rosso e abbiniamo all’Alto Adige Pinot Nero Lafòa 2018 Colterenzio.

Ingredienti per 4 persone

800 gr di controfiletto di manzo oppure un pezzo intero di scamone; 2 radicchi tardivi; 500 ml di vino rosso (ideale quello che si usa per l’abbinamento); un cucchiaio di miele di acacia o millefiori; 50 gr di burro; scaglie di parmigiano qb, 2 cucchiai di olio, sale qb, pepe qb, un rametto di rosmarino, qualche foglia di alloro.

Procedimento:  

Mettere a marinare la carne (alta non meno di 2 cm) con l’olio, sale, pepe, rosmarino e alloro per circa un'ora a temperatura ambiente. 

Tagliare a metà per lungo il radicchio, adagiarlo in una padella col burro, mettere il coperchio e far stufare a fuoco basso per circa 10-15 minuti girandolo di tanto in tanto. 

Preparare la riduzione mettendo 500 ml di vino in un pentolino, aggiungere il miele e cuocere, sempre a fiamma dolce, finchè non si riduce della metà e mostra una consistenza sciropposa. 

Togliere la carne dalla marinata e grigliarla sulla bistecchiera ben calda per circa 2 minuti per lato. 

Lasciarla riposare per cinque minuti, scalopparla e impiattala sul radicchio. Completare il piatto con la riduzione di vino rosso e le scaglie di parmigiano.

Vino in abbinamento:

(a cura di Stefania Vinciguerra)

Alto Adige Pinot Nero Lafòa 2018 Colterenzio

Rosso rubino. Naso articolato con aromi fruttati di ciliegie, lamponi, piccoli frutti rossi e spezie fini, ben integrati a sentori di tostatura. Al palato è corposo, pieno, complesso con tannini morbidi e un finale lungo ed elegante.

Zona di produzione: I vigneti si trovano ad un’altitudine di c.a. 400 m s.l.m. La maggior parte delle uve proviene da terreni di origine morenica, composti da rocce porfiriche e dolomitiche. L’altra parte delle uve è coltivata su terreni ghiaiosi, argilloso-calcarei.

Vitigno: Pinot Nero. Impianti a spalliera con vigne di età compresa tra 15-35 anni, resa di 35 hl/ettaro.

Vinificazione: Fermentazione alcolica in botti di legno per circa 3 settimane con una macerazione ad una temperatura controllata di 25-28° C. Fermentazione malolattica in botti di legno e successiva maturazione del vino per altri 12 mesi in parte in barrique nuove e in parte in barrique di secondo/terzo passaggio.

Gradazione alcolica: 13,5% Vol.

Temperatura di servizio: 16°C

Abbinamenti consigliati: Carni bianche, volatili. In particolare anatra arrosto con hoi sin, salmone al forno in crosta di salsa di soia, filetto mignon con una glassa balsamica, agnello arrosto con salsa alla menta.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

  • Una buona notizia

    di Daniele Cernilli 27/06/22

    Per UIV - elaborazione dati Istat - l’export del vino italiano nel primo trimestre è...

Eventi

Luglio 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
4
5
6
7
12
13
14
15
16
17
18
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL