Pesce spada alla catalana con patate alle erbe

di Iolanda Maggio 21/01/23
225 |
|
Pesce spada alla catalana e Valle d’Itria Bianco Silos 2021 Lasorte Cuadra

Ricetta facile e veloce riproposta dallo chef Matteo Giudici. La abbiniamo al Valle d’Itria Bianco Silos 2021 Lasorte Cuadra.

Ingredienti per 4 persone:

4 fette di pesce spada; 2 pomodori ramati; 4 patate medie; olio evo; erbe aromatiche (salvia, rosmarino, prezzemolo); 1 spicchio d’aglio, sale e pepe qb; un pizzico di vaniglia e la scorza di un limone.

Procedimento

Tagliare a cubetti i pomodori, condirli con olio, sale, pepe, un pizzico di vaniglia e la scorza di limone.

Far bollire le patate e dopo averle fatte raffreddare sbucciarle e tagliarle a fette. 

Tritare con l’aiuto di un coltello le erbe aromatiche con lo spicchio d’aglio e aggiungere un pochino di olio per creare una salsa omogenea.

Scaldare una griglia e metterci sopra un pizzico di sale grosso. Quando la griglia sarà rovente cuocere per un minuto il pesce spada, girarlo e cuocerlo ancora per 30 secondi. Deve essere grigliato all’esterno ma rimanere morbido al cuore. 

Disporre le fette di pesce spada sul piatto, irrorare con la catalana di pomodoro e accompagnare con le patate tagliate a fette e cosparse di salsa alle erbe.

Vino in abbinamento:

(a cura di Stefania Vinciguerra)

Valle d’Itria Bianco Silos 2021 Lasorte Cuadra

Paglierino brillante. Profumi di sorprendente complessità, fragranti e leggermente aromatici, con agrumi gialli, nespola, fiori di campo e pietra focaia. Sapore teso, fresco, salino, scattante, con corpo sottile ed elegante. Un piccolo gioiello.

Zona di produzione: Meno di un ettaro situato a 410 metri di altitudine a Contrada Carpari (Martina Franca) nella parte meridionale dell'altopiano delle Murge nella Puglia centrale. Il suolo è costituito da classiche terre rosse di natura argilloso-calcarea con presenza diffusa di scheletro.

Vitigni: 60% Verdeca, 20% Bianco d’Alessano, 10% Maresco, 10% Minutolo da un vigneto con orientamento Nord-Sud che consente un irraggiamento solare omogeneo su entrambe pareti di ogni filare. L’allevamento è a spalliera verticale con potatura a Guyot singolo. Lavorazioni in vigna a basso impatto ambientale con esigenze molto sporadiche di trattamenti a base di rame e zolfo grazie a condizioni climatiche ideali per la vite su questo ventilato altopiano.

Vendemmia: manuale.

Vinificazione: macerazione sulle bucce, fermentazione a temperatura controllata e prolungato affinamento sui lieviti di una singola vasca o 'silos’ da 50 hl. Nessun elemento di origine animale è stato usato nella produzione di questo vino.

Gradazione alcolica: 12,5% vol.

Temperatura di servizio: 8-10°C.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

  • A volte ritornano

    di Stefania Vinciguerra 30/01/23

    Non tutti sanno che il vino in lattina è nato in Italia negli anni ‘80. Dopo un...

Eventi

Febbraio 2023
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
1
3
6
7
8
22
23
24
25
26
27
28
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL