Orecchiette tradizionali

di Antonella Amodio 27/01/18
639 |
|
orecchiette con cavolfiori ricetta doctorwine

Quando le orecchiette incontrano cavolfiore e alici la bontà del piatto è assicurata. Le abbiniamo a un rosé da uva aglianico: il Flavia Irpinia Rosato Doc di Fiorentino.

La preparazione di questo piatto è semplice e immediata, tuttavia bisogna scegliere con cura gli ingredienti, nella fattispecie fondamentale è la scelta delle alici di Cetara. Il loro sapore intenso e inimitabile determinano la riuscita della pietanza. L'uso del cavolfiore bianco invece del classico broccolo verde rende il piatto più delicato.

Ingredienti per 6 persone:

400 gr. pasta fresca formato orecchiette, 1 cavolfiore circa 400 gr., 2 alici di Cetara sotto sale, 1 spicchio di aglio, una generosa manciata di pinoli, una fetta di pane raffermo, 5 cucchiai di olio extravergine, sale q.b., 30 gr. ricotta salata grattugiata, 1 cucchiaio di aceto balsamico invecchiato

Preparazione:

Lessare molto al dente le cimette di cavolfiore e porre da parte l'acqua di cottura.

In un tegame far imbiondire l'aglio con l'olio extravergine, aggiungere le alici a pezzetti precedentemente dissalate, pulite e senza lisca e cuocere a fiamma bassa fino a quando si siano disfatte.

Eliminare l'aglio, unire le cimette di cavolfiore, salare e cuocere ancora per circa cinque minuti.

In una padella tostare i pinoli, tagliare il pane a piccoli tocchetti e tostare anch'esso.

Cuocere le orecchiette nell'acqua del cavolfiore tenuta da parte, a cottura ultimata versarle nel tegame aggiungendo qualche cucchiaiata di acqua di cottura, mantecare e insaporire per pochi minuti unendo pinoli, pane e ricotta salata.

Vino in abbinamento

(a cura di Stefania Vinciguerra)

Flavia Irpinia Rosato Doc Fiorentino

Bellissimo colore rosa con unghia aranciata. Profumi di melograno, arance rosse e mela annurca, poi salvia e sfumatura iodata. Fresco, salino e con chiara nota ammandorlata. Finale di buona progressione.

Zona di produzione: vigneti collinare in Contrada Barbassano di Paternopoli (Avellino).
Vitigni: aglianico 100%, coltivato con concimazione organica e difesa fitosanitaria integrata (come da disciplinare regionale) con totale abolizione del diserbo chimico.

Produzione: vendemmia a fine ottobre, raccolta a mano, con selezione accurata dei grappoli in cassette da 20 kg. Vinificazione in bianco in serbatoi di acciaio inox, fermentazione termocondizionata con lieviti selezionati. Affinamento su fecce fini per 2-3 mesi, in bottiglia.

Gradazione alcolica:13,5% vol.

Temperatura di servizio: 15-16°C.

Numero di bottiglie prodotte: 1.106





Editoriale della Settimana

Eventi

Giugno 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
·
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
24
25
26
27
28
29
30
·
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL