Fiocchi freschi in rosa e oro

di Katiuscia Rotoloni 06/08/16
1428 |
|
Fiocchi freschi in rosa e oro

Ingredienti per 4 persone: 
400 gr gamberi rosa, 1 cipollotto bianco fresco, 2 pomodori ramati, 1 cucchiaio d’olio, sale q.b., acqua gasata fredda q.b.
Per la salsa di prugna:  4 prugne goccia d’oro, 3 gr agar agar, un pizzico di sale
Per la pasta:  400 gr farina Senatore Cappelli, 250 gr acqua circa, 1 cucchiaio olio evo

Procedimento: 
Centrifugare le prugne e mettere il liquido ottenuto in un pentolino su fuoco dolce. Al primo bollore unire l’agar agar e far sobbollire un paio di minuti. Filtrare e far freddare in frigo in un recipiente finché diventerà solido. Frullare alla velocità minima fino a ottenere una crema.
Lavare e sgusciare i gamberi. Tostare i carapaci con un filo d’olio evo e i pomodori divisi a metà. Coprire di ghiaccio o di acqua freddissima e lasciar sobbollire  per almeno mezz’ora, in modo da preparare un brodo.
Frullare le teste dei gamberi con 1 bicchiere d’acqua gassata fredda e un cucchiaio d’olio evo. Filtrare in un colino a maglia stretta e conservare.
Fare una fontana con la farina, mettere al centro l’acqua e un cucchiaio di olio evo, mescolare con la forchetta, inglobando man mano tutta la farina. Dopodiché impastare con le mani finché il composto sarà liscio e omogeneo.
Far riposare sotto un piatto fondo rovesciato per mezz’ora. Stendere una sfoglia sottile e  tagliare con una rotella tagliapasta dei rettangoli di circa 6x4 cm. Stringere tra il pollice l’indice i due lati più lunghi in modo da fare 2 pieghe al centro e creare un fiocco. Disporli man mano su un vassoio infarinato facendo attenzione a non sovrapporli. Una volta finite, far seccare per mezz’ora.
Stufare il cipollotto tritato in un ampia padella con un filo d’olio evo e un mestolo di brodo di gamberi. Unire la crema di teste e scaldare a fuoco basso.
Filtrare il brodo di carapaci, portare a bollore, salare e cuocervi i fiocchi. Estrarre la pasta con una schiumarola e saltarla velocemente nella padella con la crema di teste e le code di gamberi sgusciate in precedenza. Aggiungere un po’ di brodo di cottura se fosse necessario.
Servire decorati di gocce di crema di prugne.

Vino in abbinamento: 

Archètipi Ribolla Gialla Venezia Giulia Igp Puiatti 

 


Un vino dal sapore antico grazie a una tecnica di produzione molto moderna. Il calice paglierino offre al naso note floreali di fiori di acacia e sambuco, poi soffi di miele e frutta matura, in particolare mela golden e pera cotta. Sapore teso, grintoso, ben sostenuto dall’acidità, che lo rende fresco e di facile bevibilità.

Zona di produzione: un altopiano dolcemente degradante dalle colline del Nord della regione verso il mare Adriatico, in prossimità del fiume Isonzo.

Vitigni: ribolla gialla, coltivata a Guyot bilaterale su terreni in prevalenza ghiaiosi, ricoperti o misti a uno strato di argilla rossa.

Produzione: tecnica innovativa denominata "infusione", processo attraverso il quale si reintroduce all’interno del vino Ribolla dell’anno precedente una quantità pari ad un massimo del 15% di acini di ribolla attentamente diraspati a mano acino per acino. L’alcool contenuto nel vino esercita un’azione di estrazione sulle bucce e consente, in assenza di ossidazioni tipiche dei processi di macerazione, di estrarre le componenti aromatiche contenute nelle bucce di questo vitigno unico. Il periodo di infusione dura dalle due alle otto settimane a seconda della frazione aromatica che si vuole prediligere. Affinamento in contenitori d’acciaio per 6 mesi e 6 mesi in bottiglia.

Contenuto alcolico: 12,50%.

Temperatura di servizio: 12°C

Abbinamenti suggeriti: antipasti freddi, minestre, creme vellutate, primi piatti a base di verdure e piatti a base di pesce.

QUESTA RICETTA E' OFFERTA DA PUIATTI 





Editoriale della Settimana

Eventi

Novembre 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
2
3
10
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
30
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL