Fettuccine al ragù bianco di maiale

di Iolanda Maggio 16/05/20
707 |
|
Fettuccine al ragù bianco di maiale abbinato a Barbera d’Asti Docg La Villa 2019 Olim Bauda

La diatriba sul pomodoro nel ragù non avrà mai fine. Le ricette sono infinite, così come le possibilità. Con questo ragù bianco di maiale abbiniamo la Barbera d’Asti Docg La Villa di Olim Bauda.

Ingredienti per 4 persone:

Per le fettuccine: 4 etti di farina; 4 uova

Per il ragù: 300 g di macinato di maiale; 1 costa di sedano, 1 carota, 1 cipolla, 1 foglia di alloro, 1 rametto di rosmarino, bacche di ginepro q.b., un bicchiere di vino bianco buono, sale q.b., olio q.b., parmigiano reggiano q.b.

Procedimento:

Preparare l’impasto per le fettuccine impastando energicamente la farina con le uova fino ad ottenere una consistenza liscia ed elastica. Formare una palla, avvolgerla in nella carta velina e lasciare riposare mezz’ora. Stendere la sfoglia e ricavare le fettuccine (la larghezza è di circa 5mm).

Tritare sedano, carota e cipolla e soffriggere a fiamma dolce. Alzare la fiamma e unire il macinato. Continuare a mescolare per farlo rosolare uniformemente. Sfumare con il vino bianco e lasciare evaporare. Abbassare la fiamma al minino e aggiungere gli odori: alloro, rosmarino e le bacche di ginepro. Mettere il coperchio al tegame e lasciare cuocere per altri 30 minuti sempre a fiamma bassa mescolando di tanto in tanto.

Cuocere le fettuccine in abbondante acqua salata, scolarle appena vengono a galla - circa un minuto dalla ripresa del bollore. Mantecare col ragù e impiattare con una generosa spolverata di parmigiano. 

Vino in abbinamento:
(a cura di Stefania Vinciguerra)

Barbera d’Asti Docg La Villa 2019 Olim Bauda

Un bel rosso rubino vivo prelude a profumi vinosi e intensamente fruttati, con ciliegia e frutti di bosco e qualche lieve accenno floreale. Estremamente piacevole al palato, è fresco e di buon corpo, agile e di gradevole persistenza. 

Zona di produzione: i vigneti si trovano in 5 diversi Comuni nel cuore dell’astigiano, nel comprensorio Docg della Barbera d’Asti. 

Vitigno: barbera 100%. Generalmente la resa per ettaro non supera i 60 quintali, ma le differenze climatiche di ogni vendemmia possono influire notevolmente su questo parametro.

Vendemmia: la selezione delle uve si svolge generalmente alla fine di settembre o nella prima settimana di ottobre ed è condotta interamente a mano. 

Produzione: l’uva vendemmiata viene pigiata la sera stessa e messa in tini di acciaio inox per la fermentazione alcoolica. La temperatura della fermentazione viene assistita in tutte le sue fasi e non supera i 28°C. L’affinamento del vino prosegue nei tini di acciaio fino all’imbottigliamento e si protrae in bottiglia per alcuni mesi. 

Gradazione alcolica: 14% vol.

Temperatura di servizio: 14-16°C. 

Abbinamenti consigliati: provatela con un panino al salame, una pizza, un bel piatto di tajarin con il ragù o un bollito misto. Perfetto per una bella grigliata con gli amici. 

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Logo Olim Bauda
20/06/12 Redazione




Editoriale della Settimana

  • Ricordando Bonilli

    di Daniele Cernilli 03/08/20

    Sono passati ormai sei anni da quando Stefano Bonilli ci ha lasciato improvvisamente e...

Eventi

Agosto 2020
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
·
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL