Calamari ripieni

di Redazione 21/03/20
404 |
|
Calamari ripieni e Donnafugata Vittoria Frappato Bellassai 2018

Un piatto molto ricco di sapori che eccelle in abbinamento a rossi freschi e fruttati come il Bell’Assai 2018, Vittoria Frappato Doc Donnafugata.

Questa ricetta è tratta da La cucina di Pantelleria – Tradizione e innovazione di Grazia Cucci e Gianni Busetta.

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di calamari, 200 gr di pomodori pelati, 2 spicchi d'aglio, 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva, 20 olive nere snocciolate, 50 gr di uva passa, 50 gr di pinoli, 50 gr di pecorino grattugiato, 100 gr di pangrattato, 1 uovo, 2 cucchiai di capperi di Pantelleria, 1 ciuffo di prezzemolo, origano, sale e pepe nero q.b.

Preparazione:

Lavare e svuotare i calamari conservandone la testa. 

Soffriggere in tre cucchiai d’olio i 2 spicchi d’aglio; aggiungere i tentacoli della testa finemente tritati e rosolare appena; togliere dal fuoco e completare il composto con pangrattato, pepe nero a gusto, capperi e olive tritati, uva passa e pinoli, pecorino e uovo.

Amalgamare il tutto, farcire i calamari e deporli in una teglia unta d’olio e spolverata con pangrattato; aggiungere la polpa di pomodoro, pochissimo origano, sale, pepe e un poco d’olio. 

Cuocere col coperchio per 30 minuti circa e serviteli tiepidi.

Vino in abbinamento:

(a cura di Stefania Vinciguerra)

Vittoria Frappato Doc Bell'Assai 2018 Donnafugata

Rubino chiaro con bagliori porpora. Olfatto ricco e accattivante su note fruttate di lampone e susine sangue di drago, floreale di rose e una lieve speziatura di pepe verde. In bocca e fresco, di piacevole e appagante bevibilità, buona acidità e il finale molto saporito.

Zona di produzione: Sicilia Sud Orientale, nel comprensorio di Vittoria Doc, in territorio di Acate, tra l’altopiano Ibleo e il mare. L’altitudine dei vigneti è di 120-150 metri s.l.m. con terreni in lieve pendenza; suoli tendenti al sabbioso inframmezzati da un substrato di tufi calcarei e suoli di medio impasto. Il clima è caldo temperato, mitigato nel periodo estivo da una brezza che giunge dal mare, oltre che dalle buone escursioni termiche tra il giorno e la notte. 

Vitigno: frappato 100%. Allevamento a controspalliera con potatura a cordone speronato. Densità impianto 4.000-4.500 piante per ettaro; rese di 70-80 q.li/ha.

Vendemmia: l’epoca di raccolta è stata scelta con estrema attenzione per cui alcuni vigneti di frappato sono stati vendemmiati tra il 10 e il 12 settembre ed altri tra il 17 e il 23.

Produzione: la fermentazione è svolta in acciaio con macerazione sulle bucce per circa 8-9 giorni alla temperatura di 24-25°C. Affinamento 4 mesi in vasca e almeno 3 mesi in bottiglia. 

Gradazione alcolica: 12.70% vol.

Temperatura di servizio: 15-16°C°

Abbinamenti consigliati: verdure grigliate, salumi e piatti di pesce saporiti come zuppe. Ottimo anche sul sushi di tonno. 

Longevità: 3-4 anni.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

  • Il tempo sospeso

    di Daniele Cernilli 30/03/20

    Ci sono stati personaggi determinanti per la mia conoscenza del mondo del vino, mi piace ricordarli...

Eventi

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL