Arista di maiale al latte

di Stefania Vinciguerra 31/10/20
892 |
|
arista di maiale e mai dire mai di pasqua

Ecco un secondo piatto saporito e facile da realizzare, che abbiamo scelto di abbinare all’Amarone della Valpolicella Mai dire mai 2012 Pasqua.

Ingredienti per 5-6 persone: 

1 kg di lombata di maiale disossata (arista); 1 l di latte; 30 g di burro; 1 cucchiaio d’olio extravergine d’oliva; poca farina; sale e pepe.

Preparazione:

Infarinare leggermente la carne. 

Scaldare olio e burro in una casseruola alta e farvi rosolare l’arista a fuoco medio girandola regolarmente. Quando avrà preso un bel colore dorato uniforme, insaporirla con sale e pepe e aggiungere tutto il latte a coprire la carne. 

Mettere il coperchio, abbassare la fiamma al minimo e lasciar cuocere dolcemente per circa un’ora, girando spesso. 

La cottura della carne va di pari passo con la trasformazione del latte in una salsa densa e generalmente la cottura è terminata quando la salsa è addensata. Come verifica, inserire uno stecchino lungo nella carne: se esce asciutto l’arista è cotta.

Nel caso in cui ci fosse ancora del liquido, levare il coperchio e continuare la cottura a fiamma più alta per farlo restringere.

Alla fine, mettere l’arrosto su un piatto e lasciarlo intiepidire per una mezz’ora prima di affettarlo con un coltello da arrosto con fettine spesse circa mezzo centimetro. 

Scaldare la salsa e versarla sulla carne affettata. 

Accompagnate l’arrosto con spinaci al burro e con purè di patate. 

Vino in abbinamento:

Amarone della Valpolicella Docg Mai Dire Mai 2012 Pasqua

Di colore rubino granato, offre al naso ciliegia croccante e spezia, accenni balsamici, ricordi di cacao. Bocca fresca e di grande concentrazione, calda e ricca, con tocchi selvatici di sottobosco. Chiude con note amaricanti varietali.

Zona di produzione: il vigneto di Montevegro: 23 ettari situati sulla cima di una collina a 350 metri di altitudine tra la Val d’Illasi e la Val di Mezzane, il cui terreno di origine basaltica e calcarea garantisce una salinità ottimale. 

Vitigni: corvina 65%, corvinone 15%, rondinella 10% e oseleta 10%, appassite in cassette per ottenere una più elevata concentrazione zuccherina.

Vendemmia: le uve vengono raccolte a mano e attentamente selezionate, successivamente sono poste ad appassire per 4 mesi.

Vinificazione: dopo la pigiatura viene effettuata una macerazione prefermentativa a freddo, mentre la fermentazione malolattica avviene in acciaio a temperatura controllata 22-26-C per 40 giorni. La maturazione in botti di rovere francese (70% barrique da 225 litri e 30% in tonneaux da 500 litri, unicamente legno nuovo) dura 24 mesi.

Gradazione alcolica: 16.5% vol.

Temperatura di servizio: 16-18°C.

Abbinamenti consigliati: Formaggi stagionati, carni rosse, risotto all'Amarone e perfetto con cioccolato fondente.

QUESTA RICETTA È OFFERTA DA PASQUA

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

  • DoctorWine is back

    di Daniele Cernilli 18/10/21

    Un mese di ottobre di fuoco, per DoctorWine e per il suo direttore. Dopo le presentazioni a Milano...

Eventi

http://www.olianas.it/
http://www.olianas.it/

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL