Profumo e sapore di mare

di Katiuscia Rotoloni 22/03/16
876 |
|
Profumo e sapore di mare

Il 17 febbraio ha aperto le porte  a Piazza Paoli 15, tra Castel Sant’Angelo e Campo De’ Fiori The Fisherman Burger. Non fatevi ingannare dal nome però, non è un fast food commerciale, né la solita Risto-Pescheria, un format che sta prendendo molto piede negli ultimi tempi. Vito Fiusco, direttore del locale, e il papà Giuseppe, che guida la cucina, sono di Taranto e da quelle parti il pesce è una cosa seria. Mi spiegano che l’idea di poter comprare il pesce, decidere se portarlo a casa oppure farlo cucinare secondo il proprio gusto, mangiandolo comodamente seduti in sala, non ha alcuna motivazione modaiola, ma il desiderio di fornire al cliente la garanzia di un prodotto ittico di qualità eccellente, tracciato, ma a prezzi contenuti.
L’arredamento ricorda le vecchie barche dei pescatori, i tavolini di legno antico, il colore blu e bianco e una bella bilancia da mercato del pesce. La contaminazione tra due luoghi famosi per le attività legate al mare è evidente in ogni particolare: qui la gastronomia tradizionale marinara pugliese s’incontra con quella del New England.  Le due cucine hanno molte analogie, giacché sono caratterizzate da un ampio utilizzo del pesce.
Il pescato del giorno, proveniente dalle coste di Sorrento, di Gaeta o di Terracina è esposto sul bancone in tutta la sua bellezza ed evidente freschezza. Dietro si trovano gli acquari pieni di astici, aragoste e granchi, nei quali l’acqua è costantemente filtrata da un moderno impianto di depurazione.


La scelta del menùè ampia: oltre ai fish burger di salmone, merluzzo, tonno o calamari, possiamo scegliere lobster rolls, fish & chips, wrap di mare, fajitas. Sia chiaro che non mancano i classici della cucina italiana: i primi piatti, le gustose cozze tarantine gratinate, l’impepata, i cannolicchi o la frittura di paranza; né fresche insalate di polpo, gamberi o calamari, le tartare e, secondo la migliore tradizione marinara del Salento, ricci di mare e crudi di molluschi e crostacei freschissimi. Sono proposti anche piatti del giorno in base alla disponibilità del pescato.
Non potendo assaggiare tutto, Vito ha scelto per me una bellissima orata pescata, un grosso esemplare, che, nella cucina a vista, Giuseppe ha preparato con la semplicità e il rispetto che solo i grandi cuochi di mare sanno usare. Non preoccupatevi, non l’ho mangiata da sola, ma l’ho condivisa con i due miei commensali. Un vero colpo di fulmine: la carne soda, la cottura perfetta e il profumo, quello del mare limpido. Unico condimento un filo di olio extravergine d’oliva.
Nell’attesa per la cottura dell’orata, un piccolo aperitivo per onorare i pettini di mare (chiamati “pettinesse” in tarantino), piccoli pesci piatti che col loro colore vivace si facevano notare sul banco. Fritti, secondo tradizione, ricoperti con un leggero strato di farina croccante, per rendere ancora più stuzzicante la carne bianca e soda. Perfetti compagni del buon Franciacorta Montenisa che stavo sorseggiando.
Infine era d’uopo un assaggio d’oltreoceano da condividere: Fish & Chips con patate americane fritte e una ricca insalatina, seguito da un assaggio di fish burger veramente ben fatti e sfiziosi.
I vini di Antinori hanno accompagnato la mia cena, ma The Fisherman Burger offre una scelta di vini che abbraccia l’intera penisola e una rappresentanza d’oltralpe con Champagne di pregio. Seduti su uno sgabello del cocktail bar prospiciente l’entrata è possibile berne un bicchiere, magari assaporando ostriche o crudi freschissimi aperti al momento. Consiglierei comunque di non lasciarsi sfuggire un cocktail preparato ad arte dal barman Boris, scelto tra i “Classici” per i tradizionali o i “Capricci”, dove troviamo “Dolce Vita” e “Whiskey Cobbler” per omaggiare Roma e il New England.

Per chi desiderasse bere qualcos’altro c’è la Birra Raffo alla spina direttamente da Taranto e soft drink Lurisia.
Da The Fisherman Burger possiamo trovare le tradizioni del Nordest degli Stati Uniti e la gustosa calda accoglienza mediterranea tutti i giorni dalle 11.00 alle 02.00 e una cucina aperta dalle 11.00 a mezzanotte no stop.





Editoriale della Settimana

  • I vini anoressici

    di Riccardo Viscardi 27/01/20

    Ah, le mode… una che va per la maggiore riguarda i vini anemici, “anoressici”, e...

Eventi

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL