Osteria B&B Casa Gala

di Vignadelmar 04/10/18
380 |
|
casa gala fritti

Casa Gala, nella piazzetta di Montecatini Alto, è un contenitore a due facce: un'osteria e un B&B con tre stanze a disposizione, ognuna arredata in maniera differente.

I primi di settembre, per ritemprarci dalle fatiche estive, siamo stati quattro giorni a Montecatini. Fra acque da bere, piscine termali e brevi ma tortuosi percorsi automobilistici fra i borghi della “svizzera pesciantina” ci siamo davvero riposati e divertiti. La sera poi era d’obbligo andare a mangiare e bere qualcosa di buono magari in qualche angolino carino. Il principe degli angolini carini è senz’altro Montecatini Alto.

Il mio suggerimento è di non andarci in macchina: lasciatela in città e fatevi una camminata. A poche centinaia di metri troverete la stazione della ultracentenaria Funicolare. Dai suoi minuscoli vagoncini godrete con calma del tipico paesaggio collinare toscano, fatto di ulivi e curatissima campagna. Arrivati in alto, dopo una breve passeggiata, vi troverete in una piazzetta con diversi ristoranti.

Non faticherete a riconoscervi Casa Gala, essendo il più particolare, pur senza perdere in sobrietà. Casa Gala è un contenitore a due facce: un'osteria e un B&B con tre stanze a disposizione, ognuna arredata in maniera differente. Fino a poco fa le stanze erano 5 ma due al primo piano sono state trasformate in salette riservate per i clienti dell’osteria, che dunque possono scegliere se accomodarsi ai tavolini all’aperto, all’interno al piano terra, o nelle due salette al primo piano.

Il Cuoco e Patron è Simone Malucchi. Fino a poco fa faceva semplicemente il patron ma era perennemente insoddisfatto della cucina che offriva. Allora, di punto in bianco, ha deciso di farsi cuoco, nonostante non avesse alcuna formazione classica in materia. Devo onestamente dire che i risultati sono ottimi: la sua idea di cucina lega perfettamente con l’idea di osteria, di arredamento e gestione degli spazi che sua moglie ha conferito a tutto il palazzotto. Un menù forse troppo vasto, per una cucina di sapori netti, di materia, di colore. Con dentro tanta Toscana ma con più di una strizzatina d’occhio alla tradizione italiana e internazionale.

E allora si passa dal Bon bon di pasta fritta su stracciatella di fiordilatte e crema di Stilton, con chips di guanciale di cinta senese; al Bacon caramellato su marinata di cavolo viola e verdure dolci. Per poi passare al classico Picio ma proposto con una rivisitata carbonara di guanciale toscano. Come secondo abbiamo provato il Portafoglio di filetto di cinta senese arrotolato, con porri, curcuma e classico purè alla noce moscata. Come dolce non mi perderei la tipica Cialda di Montecatini con tiramisù.

Carta dei vini nazionali, a prevalenza toscana, dove poter scegliere senza svenarsi, ma se volete qualcosa di eccezionale lo trovate. Potrebbe essere più ampia ma in zona non ho mai trovato carte dei vini notevoli, penso sia una caratteristica del luogo. Il servizio guidato da Giovanni Magrini è molto disinvolto, caloroso e colloquiale, forse un po’ in affanno a locale pieno, ma certamente non avrete di che lamentarvi. Così come dei prezzi, davvero centrati.

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Ristorante B&B Casa Gala
04/10/18 Redazione




Eventi

Ottobre 2018
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
1
2
3
4
5
9
10
11
12
13
17
18
19
20
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL