Dal Cordaro: casa romana da cent’anni

di Iolanda Maggio 23/02/22
583 |
|
Dal Cordaro - famiglia Dori

Dalla famiglia Dori, un secolo di esperienza da osti navigati, trovi l’apoteosi della cucina casereccia.

A Roma si sa, come in tutte le grandi città, c’è un pot-pourri di provenienze. In pochi posso dire di essere “romani de Roma”, la maggior parte ha genitori o nonni che si sono trasferiti in città per trovare fortuna in tempi difficili. Andare alla trattoria Dal Cordaro invece è come entrare nella casa di una famiglia romana verace. 

Siamo alla quarta generazione ma qui, tra queste mura, che sono a ridosso di quelle di cinta della città eterna (una parete della sala lascia a vista i suggestivi mattoncini delle mura Aureliane) si faceva da mangiare anche da molto tempo prima fino quasi a perderne memoria tra le pagine degli archivi antichi. 

Proprio quest’anno si festeggia il centenario dall’inizio di questa storia fatta di dedizione e costanza che lega la famiglia Dori alla cucina tipica romana. Il nome attuale trae origini dalla vicinanza con il Porto di Ripa Grande e dell’Arsenale Papale, di cui l’edificio, le cui origini risalgono addirittura a metà ‘800, costituiva il magazzino dei canapi utilizzati dai Mastri cordaroli per preparare le funi per le navi del Papa e per le riparazioni di quelle commerciali che approvvigionavano di ogni tipo di merce la città.

Qui Dal Cordaro non ci passano tanti turisti, la clientela è fatta - per la maggior parte - da gente del posto, persone che vengono a mangiare qui da anni, che hanno festeggiato ricorrenze con tutta la famiglia, che tra questi tavoli è cresciuto e coi proprietari si chiama per nome scambiando battute come amici di lunga data.

Un'atmosfera familiare, un luogo che ti fa sentire subito a casa e tra gente de core. “Zio Augustare’ vie’ qua” ed ecco comparire Augusto, soprannominato anche l’highlander della cucina romana e padrone della sala con i nipoti Alessandro, David e Luca, ci sono zia Marina e zia Assunta ai dolci, Annarella e Maurizio in cucina, in un modo o nell’altro tutta la famiglia coinvolta tra sala e fornelli. 

Il menù è fatto di ricette super collaudate, piatti ricchi e di sostanza: i tonnarelli fatti a mano la fanno da padrone e i condimenti sono i classici: carbonara, gricia, cacio e pepe, amatriciana, pajata, ma anche coda, porcini (quand’è stagione) e involtini al sugo. Rassicuranti e goduriosi, assolutamente come nelle case di una volta. Gli antipasti di affettati e formaggi selezionati e laziali, il carciofo alla romana, la pagnotta di pane caldo a volontà per la scarpetta…che ve lo dico a fare, l’apoteosi della cucina casereccia.



Tra i dolci, tutti buoni, la crostata di ricotta e visciole è imperdibile, come le ciambelline da accompagnare all’ultimo goccio di vino. Anche nella carta dei vini protagonista è il Lazio ma si può spaziare se lo si vuole tra qualche buona selezione oltre regione.

Per farla breve, qui si mangia bene, si passano delle ore piacevoli ospiti della famiglia Dori, che con i suoi cent’anni di esperienza da osti navigati, ha tanto da insegnare a chi vuole fare della sana e solida ristorazione, perchè ce l’hanno nelle vene. E loro di “acqua sotto i ponti” ne hanno vista passare…anche in senso letterale.

Dal Cordaro
Piazzale Portuense, 4
00153 Roma
Tel. +39 06 5836751
prenotazioni@dalcordaro.it
https://www.dalcordaro.it/
Facebookhttps://www.facebook.com/dalcordaro
Instagram: https://www.instagram.com/dalcordaro/
Menù: https://www.dalcordaro.it/mangiare-dal-cordaro/il-nostro-menu/
Orari: Pranzo: Lun-Dom dalle 12.30 alle 14.30 - Cena: Lun- Sab dalle 19 alle 23
Festivi su prenotazione
Giardino Interno

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Ottobre 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
·
3
4
5
6
7
11
12
13
14
15
18
19
20
21
25
26
27
28
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL