La sindrome del ginecologo

di Daniele Cernilli 05/06/17
747 |
|
La sindrome del ginecologo

Chi ha responsabilità di giudizio non dovrebbe farsi coinvolgere dall’oggetto della sua analisi. In questo consiste la differenza nel nostro mondo fra appassionati e professionisti.

Spero che tutti i ginecologi del mondo mi perdonino se faccio una forzatura e li prendo per esempio, forse in modo improprio ma spero efficace per i miei fini divulgativi. Per il loro lavoro, infatti, i ginecologi, ma anche le androloghe, devono per forza considerare il sesso in modo scientifico e medico. Poi in privato saranno anche amanti appassionati, ma non quando visitano e prendono in considerazione i problemi fisici e di salute dei loro pazienti.

Ecco, chi assaggia vino e dà giudizi dovrebbe avere qualcosa in comune con quella che io chiamo la “sindrome del ginecologo”, e che consiste in un distacco “tecnico” con l’oggetto della sua indagine. Il che non vuol dire non riconoscere che a volte quell’“oggetto dell’indagine” sia particolarmente attraente, ma sempre nei limiti concessi da un ambito principalmente professionale e che prevede serenità e, appunto, distacco. Questo fa sì, ad esempio, che chi ha ruolo e responsabilità di analisi e di giudizio, non debba farsi coinvolgere più di tanto, e in questo consiste la differenza nel nostro mondo fra appassionati e professionisti.

I primi sono “amanti”, i secondi “ginecologi”, insomma. Lo so, sono proprio sul filo del rasoio, ma spero che nessuno di voi voglia mettermi sulla graticola per questo. E se scrivo cose del genere è perché all’ultima manifestazione organizzata a Roma dalla Fivi (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti) ho vissuto in modo molto drammatico questa contraddizione.

Da analista sensoriale, giudice e giornalista dovevo mantenere un ruolo distaccato, ma da vecchio appassionato, quale sono sempre stato, non ho potuto fare a meno, arrivato a casa, di comprami on line sei bottiglie miste dei vini valtellinesi di Ar.pe.pe. che, Sassella Rocce Rosse 2007 in primis, ho trovato semplicemente deliziosi. E ho scoperto che, tutto sommato, la “sindrome del ginecologo” che spesso mi colpisce, ogni tanto fa eccezione. Per fortuna ritorno amante, di vini e spero non solo, e mi abbandono a passioni nuove e antiche. Un disastro, insomma.





Eventi

Marzo 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL