L’era dell’Amarone

di Daniele Cernilli 21/05/18
1126 |
|
l'era dell'amarone firmato doctorwine editoriale daniele cernilli

Il vino italiano che, a livello internazionale, sta conquistando i mercati di alto profilo di mezzo mondo è l’Amarone della Valpolicella. Con buona pace di chi lo snobba.

Se vi capitasse mai di parlare con qualche appassionato di vino folgorato sulla via di Beaune, e quindi affetto da “borgognite cronica”, al solo pronunciare la parola “Amarone” vedreste il suo volto percorso da un’espressione a metà fra il disgusto e la sorpresa. Quest’ultima per aver osato pronunciare il nome di quel vino così poco elegante, troppo alcolico, prodotto con uve appassite, oltretutto, che proprio non può essere nelle sue corde.

È uno degli aspetti per i quali personaggi del genere non riescono proprio a cogliere il flusso degli eventi. Perché se oggi, a livello internazionale, esiste un vino italiano che sta conquistando i mercati di alto profilo di mezzo mondo questo è proprio l’Amarone. Tanto che sta sostituendo, come stile e come caratteristiche, quell’idea dei rossi “neobordolesi” che ha imperato almeno negli ultimi decenni. Quelli prodotti nel Nuovo Mondo, soprattutto, ma anche da noi, visto che molti cosiddetti Supertuscan sono ispirati a quei dettami stilistici ed enologici.

Ora le cose stanno cambiando, e i rossi corposi, morbidi, alcolici, con un po’ di residuo zuccherino, rappresentano soprattutto nel Far East, quindi sui nuovi mercati, un preciso punto di riferimento per i big spenders interessati al vino in quei paesi, ma non solo. Sempre più famosi vini californiani e australiani, magari a base Cabernet o Syrah, hanno caratteristiche di leggera surmaturazione, mantengono percentuali di residui zuccherini avvertibili. I vini rossi cinesi di maggior profilo qualitativo sono anch’essi vini del genere. E tutti quanti ormai somigliano più a degli Amarone che a dei bordolesi classici.

Questo significa, in buona sostanza, che la prevalenza stilistica sta andando da quella parte e che proprio l’Amarone sta diventando un punto di riferimento sempre più paragonabile a ciò che sono stati, e in gran parte sono ancora, i Grand Cru Classé dell’Haut Medoc. Un fenomeno che si comincia a notare fin dai prezzi di vendita, che nel caso degli Amarone di punta sono schizzati a cifre inimmaginabili solo dieci anni fa, con la sola eccezione di Quintarelli e di Dal Forno che quella strada l’hanno percorsa per primi.

Un fenomeno strettamente connesso al successo internazionale che l’Amarone sta avendo, con buona pace di chi continua a guardarsi l’ombelico e a non prendere atto di fenomeni di mercato che toccano anche alcuni vini italiani in modo molto evidente, ormai. Perciò, che piaccia o meno quella tipologia, e in questo caso direi che la cosa va considerata proprio al di là del gusto personale, è molto prevedibile che i grandi rossi del futuro, quelli che piaceranno ai nuovi consumatori magari russi o cinesi, saranno molto più simili a degli Amarone che a uno Chateau Lafite, anche se qualcuno, affetto da wine snobbery, potrebbe anche storcere la bocca.





Editoriale della Settimana

Eventi

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL