I difetti tollerabili

di Daniele Cernilli 29/04/19
2460 |
|
Venere di Botticelli Strabismo di venere

Possono esistere in un vino piccoli difetti, imperfezioni tollerabili in relazione alle nostre convinzioni personali, purché queste non diventino una scusa per aver ragione a prescindere.

La perfezione è noiosa. La sezione aurea poteva andar bene ai tempi di Fidia e di qualche neoclassico un po’ codino, ma già il Beato Angelico, Piero della Francesca e Caravaggio andavano oltre. Per non parlare degli Impressionisti, dei Cubisti, dei Surrealisti, della Transavanguardia. Tutti bollati come “imprecisi”, “imperfetti”, come se i girasoli di Van Gogh avessero avuto bisogno della perfezione per rappresentare uno dei vertici artistici di ogni tempo. E poi, ci siamo forse innamorati di persone perfette, o sono state le loro imperfezioni a sedurci?

Questo per dire che se comprendiamo, tolleriamo, ammiriamo e persino ci innamoriamo delle imperfezioni in tante cose e in tante persone, perché per i vini la cosa dovrebbe essere differente? Di certo esistono dei piccoli difetti, dei limiti, delle imperfezioni tollerabili anche in molti di loro. Un lettore di DoctorWine; Marcello Manna, ha commentato in modo brillante “una cosa è il primo sbuffo imbarazzante di un Montepulciano di Valentini, e un’altra è un vino che puzza”.

Giustissimo.

Una cosa fa parte del carattere, della personalità, dei chiaroscuri che danno complessità, l’altra è il segno di incapacità tecnica che porta alla fine a un difetto che è accettabile solo per pochi estremisti del gusto. Quindi la risposta è del tutto personale ed è legata a quanto siamo disposti ad amare un’imperfezione e che tipo d’imperfezione amiamo. E questo è diverso per ciascuno di noi e dipende da tanti fattori. Dalle nostre convinzioni profonde, per le quali, ad esempio, può essere meglio un vino un po’ meno piacevole ma che rispetti nella produzione l’eco sostenibilità e faccia meno male possibile alla salute. Dal senso estetico che manifestiamo in ambito gustativo. Dalla quantità e dalla qualità dei vini che abbiamo assaggiato e che conosciamo. Anche dall’attitudine a voler sperimentare cose nuove e fuori dagli schemi più diffusi. Forse anche dalla voglia di ritrovare sapori perduti o idealizzati e che ci riportano a molti anni fa. Tutte ragioni ampiamente comprensibili, insomma.

L’unica cosa che mi permetto di suggerire è che tutto questo non diventi una moda, che insomma il fatto di essere sempre da un’altra parte non voglia solo rispondere a un’esigenza di originalità a tutti i costi, di un individualismo un po’ infantile ed egocentrico, per il quale si debba criticare ciò che alla maggioranza appare come migliore o preferibile. Solo per affermare che in realtà noi ne sappiamo e ne capiamo di più di chiunque altro e che il nostro gusto è comunque vincente, anche quando apprezza, o fa finta di apprezzare, vini che molti non accosterebbero al naso.

 

Nella foto di apertura: l’evidente “strabismo di Venere”, difetto tollerato, nel dettaglio della Nascita di Venere di Sandro Botticelli.





Editoriale della Settimana

Eventi

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL