Antinori ringalluzzisce

di Daniele Cernilli 24/02/12
112 |
|
Antinori ringalluzzisce

Sono proprio curioso di vedere come i nostri traduttori renderanno in inglese la parola “ringalluzzisce”. “Cocking again”? “Will be rooster again”? Chissà? Però la notizia è di quelle importanti nel mondo del vino italiano. Perché dopo l’uscita dal Consorzio del Chianti Classico nel 1974, la Marchesi Antinori ne rientra oggi nel 2012, e riacquista il diritto di fregiarsi del Gallo Nero o Black Rooster in inglese e quindi di “ringalluzzire”. Un momento storico, siglato lo scorso 22 febbraio nel corso dell’Anteprima del Chianti Classico alla Stazione Leopolda di Firenze da Albiera Antinori, primogenita del Marchese Piero, e da Marco Pallanti, presidente del Consorzio. Antinori è oggi il secondo produttore in assoluto di Chianti Classico, dopo Castelli del Grevepesa e prima di Banfi. Ma prima anche di Ruffino, di Melini, di Rocca delle Macìe, di San Felice o di Ricasoli, cantine fondamentali per la denominazione. Ma è soprattutto un riallineamento di un’azienda di grande prestigio e peso internazionali, che ha puntato molto sul suo “brand” e forse finora meno sul suo “terroir”, per dirla usando i soliti triti e retorici termini del noiosissimo “marketing” moderno. Nel senso che Antinori, Tignanello, Solaia e forse persino San Giocondo, il nome del Novello, hanno contato negli ultimi tre decenni più di Chianti Classico ed infinitamente più di Gallo Nero. Bene così, perciò. E non solo per il Consorzio che recupera, dopo Ricasoli e Ruffino, l’altro grande nome mancante, ma anche per Antinori, che si riappropria anche formalmente di una realtà direi costitutiva della sua essenza, quella di essere un grande e fantastico nome del Chianti Classico, vivaddio!





Eventi

Agosto 2018
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
1
2
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL