Amato Inferno

di Francesco Annibali 20/03/17
951 |
|
Amato Inferno

La Valtellina del vino è purezza aromatica innata. Nessun dubbio sul fatto che si tratti di uno dei più rilevanti terroir italici. Qui, sul versante che guarda a sud di questa valle di montagna posta in direzione est-ovest, il chiavennasca, ovvero il nebbiolo locale, riesce a tramutare in vino la luce e le rocce dalle quali spuntano le viti. Rocce talmente dure e compatte da accumulare il calore e scaldare il cru Inferno, così chiamato per la temperatura del suo particolare microclima, che restituisce i Valtellina più disponibili e comunicativi.

Rainoldi modella la riserva qui ottenuta attraverso il legno piccolo, ma anche gli appassionati di nebbiolo più intransigenti possono stare tranquilli: il carattere del vino non solo non è né coperto né irrigidito, ma sembra addirittura esaltato. A conferma che, quando si parla di rapporto tra vitigni e legno, è sempre molto difficile - se non impossibile - generalizzare.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Ottobre 2020
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
1
5
6
7
8
9
11
12
13
14
15
16
21
22
26
27
28
29
30
https://www.gruppoitalianovini.it/index.cfm/it/brand/tenuta-rapitala/
https://www.kellereibozen.com/

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL