Dici Rosato dici Puglia

di Redazione 21/06/22
153 |
|
rosati pugliesi

La tradizione dei rosati pugliesi è consolidata. Ve ne proponiamo due, uno da uve Aglianico e uno da Negroamaro. Quale vi intriga di più?

I vini rosa, si sa, si possono fare con qualsiasi vitigno rosso, il colore dipende da quanto a lungo il mosto resta in contatto con la buccia dell’uva, che è quella che contiene le sostanze coloranti. In Italia abbiamo tali e tante uve che di rosati ce ne sono mille diversi, ma alcune uve si sono dimostrate nel tempo più adatte a produrre rosati profumati e eleganti, che sono quelli che richiede il mercato.

La lunga tradizione pugliese dei rosati attinge alle molte uve locali, tra cui il Negroamaro, il Primitivo, ma anche Aglianico o Nero di Troia. Ve ne proponiamo due, a voi la scelta.

Il primo è l’Aglianico Ondarosa di Amastuola, azienda di Massafra, in provincia di Taranto, dove Peppino Montanaro, insieme ai figli Filippo, Ilaria e Donato e con la collaborazione di suo genero Giuseppe Sportelli, ha riportato questa splendida masseria agli antichi fasti. Qui si fa vino da almeno quattro secoli, e la struttura della Masseria, recuperata con interventi di ripristino particolarmente accurati, è uno splendido wine resort. Particolarmente interessante il vigneto “a onda”, con filari che serpeggiano e seguono le linee delle colline, disegnato dall’architetto di giardini Fernando Caruncho. 

Il secondo invece è il Diciotto Fanali di Apollonio, un Rosato del Salento da uve Negroamaro. Datata 1870, l’azienda Apollonio è una vera istituzione nel Salento che si estende per 100 ettari dove sono coltivati vitigni autoctoni e internazionali, ma l’intento della famiglia è sempre stato la valorizzazione dei vitigni identitari del Salento: Negroamaro e Primitivo, ma anche Malvasia nera, Susumaniello e Bianco d’Alessano. Marcello e Massimiliano Apollonio, quarta generazione alla guida della cantina, producono vini tra tradizione, storia ed innovazione. 

Puglia Rosato Ondarosa 2020 Amastuola 

91/100 - € 7,50 

100% Aglianico criomacerato per 24 ore. Affina in acciaio. Rosa cerasuolo. Naso con note di rosa, lampone e fragola. Il palato è fresco e di carattere, molto presente la nota sapida che lo rende gustoso e di ottima bevibilità, finale equilibrato con una leggera tannicità finale.  
 


Salento Rosato Negroamaro Diciotto Fanali 2017 Apollonio

90/100 - € 13,00 

100% Negroamaro, fermenta e matura in barrique di acacia per 6 mesi. Rosa salmone tendente all’aranciato. Profumi di agrumi canditi, ciliegie, albicocca matura e rosmarino. Bocca con frutto in evidenza e con buona componente acida. Finale gradevole, piccante e lungo. 

 

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

  • I vini ossidativi

    di Daniele Cernilli 04/07/22

    I grandi vini ossidativi, come i Marsala, le Vernaccia di Oristano, le Malvasia di Bosa, i Vin...

Eventi

Luglio 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
4
5
6
7
12
13
14
15
16
17
18
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL