Storia e successo dei vini altoatesini

di Livia Belardelli 23/03/18
1209 |
|
Storia e successo dei vini altoatesini

Assaggiare vecchie annate e ascoltare dalla bocca dei protagonisti il percorso fatto dall'enologia in Alto Adige è sempre un privilegio.

Quando arrivi a Laimburg lo senti che sei in Alto Adige. Aria di montagna e un’enorme parete rocciosa che si staglia davanti al visitatore. In quella montagna, scavata tutta all’interno, c’è il cuore di Laimburg, la sua cantina. Siamo a pochi chilometri da Bolzano e qui, percorrendo la galleria che conduce al grande salone di degustazione, ci si ritrova in un attimo in un’atmosfera quasi surreale, fatta di sedie a punta che fanno tanto confraternita e pareti di roccia tutto intorno.

Eravamo nelle viscere della montagna, in occasione del primo Alto Adige Wine Summit in cui, nella serata inaugurale, si è parlato degli ultimi 40 anni del vino altoatesino. “Siamo stati le ostetriche del vino dell’Alto Adige” ha detto Hans Terzer. Si riferiva a lui e agli altri compagni di intervento, protagonisti dell’evoluzione dei vini della regione nell’ultimo mezzo secolo. Sono Luis Raifer, Josephus Mayr, Alois Lageder e lo chef tristellato Heinz Winkler. Tra i protagonisti, chi per un verso chi per un altro, della rivoluzione del vino dell’Alto Adige, della svolta che dalla quantità del passato ha portato al livello qualitativo attuale e a un modello virtuoso di fare cooperazione.

Sono lontani i tempi che racconta Heinz Winkler. Era il 1984 quando un giovane produttore bussò alla porta del suo ristorante proponendo vino bianco altoatesino. Non rosso, non schiava, come era stato consueto fino a quel momento – siamo a metà degli anni ’80 e la produzione della schiava rappresenta circa l’80% del totale - ma un bianco pieno e strutturato. Quell’ardito produttore si chiamava Alois e oggi, a detta di molti, è da considerarsi tra i motori propulsori della rivoluzione altoatesina. Winkler di fronte alla proposta di vini bianchi di Lageder rispose gentilmente che non poteva inserire in carta quei vini, che non avevano mercato. Poi assaggiò il Löwengang. Ne rimase talmente stupito da ordinarne immediatamente 600 bottiglie. “Nella pittura conta l’energia del pittore, non il soggetto, pensai. Deve traspirare l’energia di chi l’ha prodotto per entrare nel cuore e quel vino rappresentava tutta l’energia creativa del suo produttore”.

Oggi i vini di queste zone sono cambiati ulteriormente e la ricerca di freschezza e verticalità ha portato a nuove espressioni enologiche che convivono e differiscono dal gusto del secolo scorso. Di certo oggi, a prescindere dallo stile, la sfida è quella con i cambiamenti climatici, la necessità quella di trovare un giusto mix tra viticoltura ed ecologia

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Sauvignon Sanct Valentin 2002
Alto Adige
Cantina San Michele Appiano 23/03/18 Livia Belardelli Sauvignon 100%. Affina in acciaio. Giallo oro leggero. Naso intenso di frutta ed erbe aromatiche, fondente al limone, fiori di sambuco, grande freschezza e progressione in bocca. Chiude lungo e...
Leggi tutto
Chardonnay Löwengang 1994
Alto Adige
Alois Lageder 23/03/18 Livia Belardelli Chardonnay in purezza. Matura in legno. Oro pieno. Naso dolce e affumicato, nocciola e melacotogna. In bocca è dolce e burroso, opulento, con sensazioni di erbe e sottobosco, mollica di pane e...
Leggi tutto
Lagrein Dunkel Riserva 1998
Alto Adige
Erbhof Unterganzner 23/03/18 Livia Belardelli Lagrein 100%. Matura in barrique. Colore rubino luminoso con sfumature granato. Piccoli frutti rossi maturi al naso, more e lamponi. In bocca è balsamico e vellutato, con una sensazione...
Leggi tutto
Cabernet Sauvignon Lafóa 1997
Alto Adige
Cantina Colterenzio / Schreckbichl 23/03/18 Livia Belardelli Da uve cabernet sauvignon. Matura in barrique. Colore granato. Naso pepato e floreale con sensazioni di grafite e sbuffi balsamici. La bocca è lunga e calda.
Logo Cantina San Michele Appiano
11/11/11 Redazione Se il vino dellʼAlto Adige è ormai conosciuto e rispettato in tutto il mondo lo si deve ai vini di questa azienda e al suo storico Kellermeister Hans Terzer. Da qui è partita la...
Leggi tutto
Logo Alois Lageder
11/11/11 Redazione Azienda divisa in due sezioni: la Alois Lageder acquista uve da conferitori che seguono l’azienda da decenni e la Tenuta Lageder con vigne di proprietà a conduzione biodinamica. In...
Leggi tutto
Logo Erbhof Unterganzner
23/03/18 Redazione Josephus Mayr è il prototipo del vignaiolo altoatesino: appassionato, tenace, voglioso di superarsi a ogni vendemmia, convinto delle proprie capacità e ricco di esperienza. La sua...
Leggi tutto
Logo Cantina Colterenzio / Schreckbichl
25/06/13 Redazione Schreckbichl rappresenta un vero monumento alla storia della vitienologia altoatesina e nazionale, come dimostrano i Sauvignon e Cabernet Sauvignon della linea Lafóa, universalmente annoverati...
Leggi tutto




Editoriale della Settimana

  • Le annate piccole

    di Daniele Cernilli 06/07/20

    La storia dei nostri vini ci insegna che un’annata media o scarsa in una regione può...

Eventi

Luglio 2020
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
1
3
4
5
6
7
8
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL