La Schiava altoatesina. Un vino da difendere, forse da salvare

di Dario Cappelloni 05/07/18
2069 |
|
Degustazione Vernatsch Schiava Alto Adige Vino Rosso

La Schiava/Vernatsch avrebbe tutto per essere di moda ma invece soffre di una certa disaffezione da parte dei consumatori italiani.

La Schiava, o Vernatsch secondo la dizione tedesca, rappresenta un piccolo mistero nel mondo del vino italiano. Avrebbe dalla sua tutte le caratteristiche per ottenere un clamoroso successo commerciale: proviene da una delle zone vinicole più di successo da diversi anni, è prodotta da uno dei tanto celebrati vitigni autoctoni tra l’altro declinato in varie tipologie con precise caratteristiche (Lago di Caldaro, Schiava, Meranese, Santa Maddalena), ha un profilo stilistico che incontra il gusto moderno, è molto piacevole e di facile beva, ha relativamente poco alcool, si può abbinare a moltissimi piatti e in estate di può (si deve) bere fresco, ha un rapporto qualità/prezzo clamorosamente favorevole e ultimo, ma non meno importante, una certa attenzione dalla critica più puntuale.

Eppure se parlate con i produttori altoatesini, nella maggior parte dei casi, è tutto un lamento sulle difficoltà di vendere questo vino.

Piccola storia della Schiava. Le prime fonti documentali sono relative al tardo Medioevo in cui si parlava di questo vino che veniva bevuto dai contadini (gli aristocratici bevevano il più corposo Lagrein) e che con il passare del tempo ha conquistato una posizione di assoluto predominio fino agli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, quando grazie alla richiesta dei mercati tedesco e svizzero raggiunse il 70% della superficie vitata altoatesina.

Da quel momento in poi un inarrestabile declino fino ad oggi dove su 5.393 ettari quelli a schiava si sono ridotti a 798 in continuo calo a vantaggio delle uve a bacca bianca. I motivi di questa perdita di appeal della schiava non mancano: il prezzo delle uve poco remunerativo, un’immagine ancora in parte legata a quella di un vino rustico e troppo semplice, ma soprattutto la mancanza di attenzione - salvo qualche eccezione lodevole e di successo - da parte di tanti operatori del settore, dai produttori stessi ai ristoratori e agli enotecari che fanno poco o nulla per promuovere questo vino.

C’è naturalmente uno zoccolo duro “resistente” a partire dagli organizzatori del concorso Vernatsch Cup che quest’anno ha raggiunto la sua quindicesima edizione, ad alcuni produttori che ne hanno fatto un vino di riferimento della propria gamma, a giornalisti altoatesini come Herbert Taschler che a ottobre uscirà con un suo ponderoso volume (purtroppo solo in tedesco) dedicato alla Schiava. Da accanito difensore (e bevitore) della Schiava non mi rassegno all’ineluttabilità di questo processo e quindi ecco per voi una bella sfilza di grandi vini a base schiava. Da bere anche in questi afose giornate di luglio, dopo aver messo la bottiglia rigorosamente in fresco.

  • Waldgries AA Santa Maddalena Classico Antheos 2017, 95/100 - € 21
  • Erbhof Unterganzner AA Santa Maddalena Classico 2016, 94/100 - € 25
  • Cantina Girlan AA Schiava Gschleier-Alte Reben 2016, 93/100 - € 15
  • Gumphof AA Schiava Mediaevum 2017, 93/100 - € 12
  • Pfannenstielhof AA Santa Maddalena Classico 2017, 93/100 - € 14
  • Wassererhof AA Santa Maddalena Classico 2017, 93/100 - € 12
  • Cantina di Bolzano AA Santa Maddalena Classico Huck am Bach 2017, 93/100 - € 15
  • Cantina di Merano AA Meranese Schickenburg 2017, 93/100 - € 12
  • Castel Sallegg AA Lago di Caldaro Classico Superiore Bischofsleiten 2017, 92/100 - € 10,50
  • Cantina Cortaccia AA Schiava Grigia 2017, 92/100 - € 10
  • Cantina di Caldaro AA Lago di Caldaro Classico Superiore Quintessenz 2017, 92/100 - € 12
  • Malojer AA Santa Maddalena Loamer 2017, 91/100 - € 12
  • St. Quirinus AA Lago di Caldaro Classico Superiore 2017, 91/100 - € 15
  • Nals Margreid AA Schiava Galea 2017, 91/100 - € 12
  • Glogglhof AA Santa Maddalena Classico Vigna Rondell 2017. 91/100 - € 14
  • Seeperle AA Lago di Caldaro Classico Superiore Waschecht 2017, 90/100 - € 10
  • Klosterhof AA Lago di Caldaro Classico Superiore Plantaditsch 2016, 89/100 - € 15

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Antheos 2017 Waldgries 05/07/18 Dario Cappelloni Da numerose varietà di schiava e lagrein. Maturazione in botti per circa 7 mesi. Colore granato brillante. I profumi sono complessi e avvolgenti di liquirizia, grafite e marasca. Al palato...
Leggi tutto
Schiava Gschleier Alte Reben 2016 Girlan 05/07/18 Dario Cappelloni Da uve schiava. Maturazione in botti grandi per 9 mesi. Colore rubino brillante. Si presenta austero con note di grafite e spezie. Al palato è pieno, succoso con tannini molto fitti, ma maturi...
Leggi tutto
Schiava Mediaevum 2017 Gumphof 05/07/18 Dario Cappelloni Da uve schiava. Affinamento per 2/3 in acciaio e botti per 6/8 mesi. Colore rubino brillante. Al naso mostra un fruttato integro e coerente. Al palato e succoso, molto gradevole, pieno e salino.
Santa Maddalena Classico 2017 Pfannenstielhof 05/07/18 Dario Cappelloni Da uve schiava 95% e lagrein. Maturazione in botti grandi e acciaio. Colore rubino brillante. I profumi sono delicati di frutti rossi e spezie. Al palato è soffice, saporito, disteso e di...
Leggi tutto
Santa Maddalena Classico 2017 Wassererhof 05/07/18 Dario Cappelloni Da uve schiava 94% e lagrein. Affinamento in acciaio per 7 mesi. Colore rubino brillante. I profumi sono decisamente fruttati e arricchiti da una leggera vena speziata. Al palato è fine, di...
Leggi tutto
Huck am Bach 2017 Cantina Produttori Bolzano 05/07/18 Dario Cappelloni Da uve schiava con piccola aggiunta di lagrein. Maturazione in botti per circa 6 mesi. Colore rubino chiaro. Al naso si presenta delicatamente fruttato e fresco. In bocca è succoso, agile e...
Leggi tutto
Quintessenz 2017 Cantina Caldaro / Kaltern 05/07/18 Dario Cappelloni Da uve schiava. Affinamento in cemento e botti grandi per sei mesi. Colore rubino chiaro. Profumi freschi di piccoli frutti di bosco e mandorla fresca. Al palato è succoso, fresco e di grande...
Leggi tutto
Bischofsleiten 2017 Castel Sallegg 05/07/18 Dario Cappelloni Da uve schiava. Affinamento in acciaio per 4 mesi. Colore rubino chiaro. I profumi sono delicati di piccoli frutti rossi e spezie. Al palato è elegante, fresco e leggiadro. La beva è...
Leggi tutto
Logo Waldgries 25/03/11 Redazione Christian Plattner oltre a essere uno dei più bravi vignaioli del comprensorio di Santa Maddalena è anche persona alla ricerca di sempre nuove sfide che stimolino la sua passione per il...
Leggi tutto
Logo Girlan 11/11/11 Redazione Lʼaccoppiata Gerhard Kofler e Oscar Lorandi, rispettivamente Kellermeister e direttore della storica cantina, è riuscita in pochi anni a trasformare unʼazienda un poʼ...
Leggi tutto
Logo Gumphof 11/11/11 Redazione I vigneti di Markus Prackwieser sono tra i più scoscesi e vertiginosi dellʼintero Alto Adige, ma qui il giovane e timido produttore di Novale di Presule, allʼingresso della Valle...
Leggi tutto
Logo Pfannenstielhof 25/06/13 Redazione Johannes Pfeifer è senza ombra di dubbio uno dei più grandi interpreti del Santa Maddalena: semplicità, bevibilità, tipicità e sorprendenti capacità di...
Leggi tutto
Logo Wassererhof 12/12/16 Redazione Lʼazienda dei gemelli Christoph e Andreas Mock ha una storia recentissima: primo imbottigliamento nellʼannata 2013 in un bellissimo maso acquistato e ristrutturato dai genitori nel 1996...
Leggi tutto
Logo Cantina Produttori Bolzano 24/12/11 Redazione Si tratta di una delle realtà produttive più importanti dellʼAlto Adige per storia e qualità dei vini, nata nel 2001 dalla fusione tra le cantine di Gries (fondata nel 1908)...
Leggi tutto
Logo Castel Sallegg 05/07/18 Redazione La storica azienda del Conte Georg von Kuenburg si trova nel centro cittadino di Caldaro. Si tratta di uno splendido castello circondato da vigneti e gestito da quattro generazioni dalla stessa...
Leggi tutto
Logo Cantina Caldaro / Kaltern 13/07/12 Redazione La Cantina di Caldaro rappresenta una delle due grandi realtà cooperative della zona ed è naturalmente concentrata sui vini più tipici del comprensorio, a cominciare dal Lago di...
Leggi tutto




Eventi

Luglio 2018
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1
2
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL