Asti, dove il moscato è di casa

di Riccardo Viscardi 13/12/18
614 |
|
campagna asti istituzionale

Si è svolta ad Asti la Moscato Wine Experience, per presentare le nuove annate di Asti Dolce, Asti Secco e Moscato d’Asti.

Una bella iniziativa ha unito tre consorzi piemontesi: quello dell’Asti, quello del Brachetto d’Aqui e quello della Barbera d’Asti per presentare queste realtà alla stampa, in massima parte estera. Oltre 100 gli invitati in maggior parte stranieri provenienti da tutto il mondo. Per l’Italia solo una decina tra i quali DoctorWine. Un momento di approfondimento interessante con la presentazione delle nuove annate del moscato nelle sue tre tipologie: Asti Dolce, Asti Secco e Moscato d’Asti. Tutte e tre le tipologie si avvalgono del metodo Martinotti per la presa di spuma, una grande intuizione tutta italiana di metà Ottocento, che prevede la spumantizzazione in autoclave. Anche il metodo classico sta dando risultati molto interessanti nel moscato, come dimostra l'Asti 24 mesi dell’azienda Gancia. Ottima l’idea del consorzio, con il presidente Romano Dogliotti, di presentare in anteprima la nuova annata 2018 pronta per regalarci un sorriso enoico durante le prossime feste.

Personalmente la tipologia che preferisco è il Moscato d'Asti (quello che, da disciplinare, ha una pressione inferiore e quindi risulta meno spumeggiante) sia per una questione storica di assaggi sia perché la reputo quella che meglio esprime la delicatezza, l'aromaticità e l'intensità del vitigno e penso sia estremamente sottovalutata dagli addetti ai lavori e da molti appassionati. Ritengo il Moscato d’Asti un vino affascinante, molto territoriale con le sue sfumature olfattive e molto aziendale al contempo, grazie alla possibilità che le cantine hanno di giocare su vari parametri, come fermentazioni, zuccheri residui, alcool e acidità. Una tavolozza tecnico-sensoriale che permette al produttore di interpretare suolo e vitigno con la sua sensibilità ed esperienza. Da sottolineare le diversità olfattive tra i vini delle zone più calde, con note di mandarino, pesca gialla e rosa scura, e quelle provenienti dalle zone più fresche che danno sensazioni più sulla pesca bianca, il mandarino sempre presente e un set di note fresche e leggermente vegetali, tipo lime, rosa bianca e gialla, malva, salvia e rosmarino.

Prima di indicare i vini che più ci hanno colpito e che consigliamo per le feste e per la prossima estate, due piccole osservazioni di carattere economico-politico. Prima le notizie meno positive: il costo dell’uva moscato è piuttosto basso, intorno ai 107 euro a quintale e calcolando l’asprezza delle colline, le ore lavoro che il moscato necessita in vigna, oltre ai capitali che bisogna investire per la “catena del freddo “ e altre amenità tecnologiche, non abbiamo una marginalità adeguata alla qualità del prodotto. Sebbene il consorzio rappresenti il 96% dell’imbottigliato, ha iscritti solo il 51% dei coltivatori e poco più degli imbottigliatori, tipico sintomo di una situazione non omogenea e con politiche non condivise, che sfociano in una maggiore attenzione ai grandi imbottigliatori piuttosto che a un 49% di piccoli che magari aggiungerebbero qualità alla denominazione. Che due aziende come Paolo Saracco e Ca d’ Gal non fossero presenti alla degustazione è un problema per la denominazione (le abbiamo aggiunte comunque). Speriamo quindi in una politica più inclusiva e con ottiche di un migliore posizionamento del prodotto.

Voglio infine ricordare alcune bellissime verticali che hanno permesso a molti di constatare come il Moscato d’Asti abbia una capacità di invecchiamento che va oltre i 5 anni con delle sorprese qualitative veramente entusiasmanti.

Insomma, a voi la scelta secondo i vostri gusti ma la proposta è ampia ed accattivante.

Moscato d’Asti Crivella 2016 Mongioia  

Avete letto bene: 2016, tanto per ribadire il concetto che i Moscato hanno complessità importanti che si sviluppano anche nel tempo. Da uve moscato, fermenta e affina in acciaio e poi in bottiglia. Paglierino brillante tendente al giallo, mostra un olfatto complesso con note di fiori d’arancio, sandalo, pesca gialla e salvia molto accattivanti e persistenti. Ottima trama gustativa cremosa, equilibrata e saporita con una dolcezza in perfetta armonia con la bolla.

92/100

18 euro

Moscato d’Asti 2018 Matteo Soria  

Da uve moscato fermenta e affina in acciaio. Giallo paglierino con riflessi verde-oro, ha un olfatto ricco e complesso tra venature più verdi di basilico e salvia e cenni insistiti di mandarino e fiori anche gialli. Bocca cremosa e saporita con una bolla fine e persistente ed un grande equilibrio acido-zuccherino. Persistente il finale.

92/100

10 euro

 

Moscato d’Asti 2018 La Caudrina Romano Dogliotti

Da uve moscato, fermenta in acciaio e si affina qualche mese in celle frigo. Paglierino scarico con riflessi caldi, mostra un olfatto intenso e fruttato con mandarino, pesca e fiori bianchi. Saporita ed equilibrata la fase gustativa con una bollicina fine e un ottimo equilibrio tra acidità e dolcezza. Finale persistente.

91/100

11 euro  

 

Moscato d’Asti D'Oro 2018 Terrabianca

Da uve moscato fermenta e si affina in acciaio. Giallo leggero, ha uno spiccato sentore di rose, mandarino, pesca, con un leggero accenno al floreale del biancospino. Fase gustativa scorrevole e persistente con una bolla fine e una dolcezza equilibrata, il finale è saporito.

91/100

10 euro

 

Moscato d’Asti 2018 Saracco

Da uve moscato fermenta e affina in acciaio. Paglierino con riflessi verdolini. Naso accattivante su note di tiglio, malva, biancospino poi la classica pesca bianca. Fase gustativa affilata e saporita dove la bollicina accompagna la dolcezza mai ostentata mentre nel finale ritornano le sensazioni fresche olfattive.

91/100

11 euro

 

Moscato d’Asti 2018 Fabio Perrone

Da uve moscato, fermenta ed affina in acciaio. Paglierino scarico tendente al giallo. Olfatto abbastanza intenso e nitido con un tocco di salvia accattivante e persistente oltre alla pesca bianca. Fase gustativa piacevole con la bolla ben integrata e la dolcezza mai stucchevole, il finale è coerente e ben fatto.

89/100

9,50 euro

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Crivella 2016
Moscato d'Asti
Mongioia 13/12/18 Riccardo Viscardi Avete letto bene: 2016, tanto per ribadire il concetto che i Moscato hanno complessità importanti che si sviluppano anche nel tempo. Da uve moscato, fermenta e affina in acciaio e poi in...
Leggi tutto
Moscato d’Asti 2018
Moscato d'Asti
Matteo Soria 13/12/18 Riccardo Viscardi Da uve moscato fermenta e affina in acciaio. Giallo paglierino con riflessi verde-oro, ha un olfatto ricco e complesso tra venature più verdi di basilico e salvia e cenni insistiti di...
Leggi tutto
Moscato d’Asti 2018
Moscato d'Asti
Caudrina 13/12/18 Riccardo Viscardi Da uve moscato, fermenta in acciaio e si affina qualche mese in celle frigo. Paglierino scarico con riflessi caldi, mostra un olfatto intenso e fruttato con mandarino, pesca e fiori bianchi. Saporita...
Leggi tutto
D’Oro 2018
Moscato d'Asti
Terrabianca 13/12/18 Riccardo Viscardi Da uve moscato fermenta e si affina in acciaio. Giallo leggero, ha uno spiccato sentore di rose, mandarino, pesca, con un leggero accenno al floreale del biancospino. Fase gustativa scorrevole e...
Leggi tutto
Moscato d’Asti 2018
Moscato d'Asti
Saracco 13/12/18 Riccardo Viscardi Da uve moscato fermenta e affina in acciaio. Paglierino con riflessi verdolini. Naso accattivante su note di tiglio, malva, biancospino poi la classica pesca bianca. Fase gustativa affilata e...
Leggi tutto
Moscato d’Asti 2018
Moscato d'Asti
Fabio Perrone 13/12/18 Riccardo Viscardi Da uve moscato, fermenta ed affina in acciaio. Paglierino scarico tendente al giallo. Olfatto abbastanza intenso e nitido con un tocco di salvia accattivante e persistente oltre alla pesca bianca....
Leggi tutto
Logo Mongioia
13/12/18 Redazione
Logo Matteo Soria
08/08/17 Redazione
Logo Caudrina
08/09/15 Redazione Romano Dogliotti è da anni uno dei grandi interpreti di Moscato d’Asti, un grande vino orribilmente sottovalutato nelle sue espressioni più nobili. L'azienda si trova nel...
Leggi tutto
Logo Terrabianca
13/12/18 Redazione
Logo Saracco
10/06/11 Redazione I Saracco sono da quattro generazioni tra i migliori interpreti di Moscato in senso assoluto. Paolo Saracco propone anche altri vini, talvolta ben fatti, ma è il Moscato d’Autunno, il...
Leggi tutto
Logo Fabio Perrone
13/12/18 Redazione




Eventi

Gennaio 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL