Una chiave di lettura, Vigna 1922

di Riccardo Viscardi 05/04/16
1356 |
|
Una chiave di lettura, Vigna 1922

Molte scoperte archeologiche di grandissima importanza sono avvenute per caso: i rotoli di Qumram, i guerrieri di terracotta, le mummie perdute sono solo degli esempi eclatanti. Nel nostro mondo enoico accadono ma spesso vengono gettate al vento. Non è il caso della "vigna 1922", che si può considerare una chiave di accesso e un fondamentale passaggio per la comprensione del patrimonio viticolo italiano e il particolare romagnolo. Inoltre questa vigna mette in discussione alcune credenze storiche sul sangiovese, il che è sempre interessante.

Tutto nacque durante una passeggiata su un declivio piuttosto scosceso della proprietaria Paola Costa, che con il marito Maurizio aveva comprato i tenimenti San Martino in Monte, in comune di Modigliana; non con l’idea di produrre vino. Era il 2001. Una scivolata, il riflesso di aggrapparsi a una liana nel terreno; rialzarsi e seguire questo strano tralcio e ritrovare una vite ad alberello nascosta nella vegetazione. Nasce cosi il Vigna 22. Una vigna, un vino, un sogno antico. La lungimiranza di affidare la rinascita di tutto ciò al giovane e promettente agronomo-enologo Francesco Bordini e ora abbiamo una verticale di 10 annate.

Ricerche storiche hanno permesso di datare approssimativamente la vigna intorno agli anni Dieci del secolo scorso. Il fattore più importante è che analizzando le piante ormai decedute si è notato che erano state innestate su piedi selvatici (rupestris pura) segno che era una vigna moderna per l’epoca, e che era da datare dopo l’avvento della fillossera, vera devastatrice dei vigneti europei. Il primo anno dopo la scoperta fu dedicato a un censimento delle piante e a un progressivo accorciamento dei capi a frutto che portò poi la vigna a essere di nuovo equilibrata nel 2004, ma nel frattempo - fin dal 2002 - si erano già iniziate le vinificazioni. Il sesto di impianto era decisamente fitto in origine con gli alberelli posti in quadrati da 1,20 metri e questo ci dice quanto era fitto il vigneto Italia prima della guerra e soprattutto fino ai folli piani di reimpianto e industrializzazione del vigneto degli anni 70.

Il vigneto è un pluri-vitigno con trebbiano , sangiovese , colorino e ciliegiolo e in questi anni ha mostrato un'incredibile resistenza alle malattie (essere così arcaici aiuta). Altra peculiarità sempre dovuta alle sue origini è che le piante hanno pochissime foglie, il che crea alcune difficoltà nelle annate ad alta insolazione. Il terreno è prevalentemente sabbioso e, come detto, siamo nel comune di Modigliana dove la caratteristica principale del sangiovese è l’eleganza. L’ uvaggio viene maturato principalmente in tonneaux di qualche anno. Solo una piccola parte è nuova.

Ed ora via a questa travolgente verticale. Questi tutti i punteggi, di seguito la descrizione in dettaglio delle annate più emblematiche.

- Vigna 1922 2002 Forlì Sangiovese Igt: 90/100
- Vigna 1922 2003 Sangiovese di Romagna Doc: 85/100
- Vigna 1922 2004 Sangiovese di Romagna Doc: 96/100
- Vigna 1922 2005 Sangiovese di Romagna Doc: 92/100
- Vigna 1922 2006 Sangiovese di Romagna Doc: 96/100
- Vigna 1922 2007 Sangiovese di Romagna Doc: 88/100
- Vigna 1922 2008 Sangiovese di Romagna Doc: 94/100
- Vigna 1922 2010 Sangiovese di Romagna Doc: 88/100
- Vigna 1922 2011 Sangiovese di Romagna Doc: 95/100

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Vigna 1922 2002
Forlì Sangiovese
San Martino in Monte 05/04/16 Riccardo Viscardi Rubino intenso brillante e molto giovanile. Olfatto intenso e nitido tra note di violetta, un leggero tabacco e la classica ciliegia; il tutto molto fresco. Fase gustativa appagante sull’eleganza...
Leggi tutto
Vigna 1922 2004
Sangiovese di Romagna
San Martino in Monte 05/04/16 Riccardo Viscardi Colore rubino intenso, scuro; olfatto intenso su note più calde ma di grande eleganza, la ciliegia è del tipo di Ravenna, la viola è intensa e anche una leggera mora fa capolino, compare quindi...
Leggi tutto
Vigna 1922 2005
Sangiovese di Romagna
San Martino in Monte 05/04/16 Riccardo Viscardi Caratterizzato da un profilo olfattivo decisamente fresco, con sentori di arancio e note balsamiche importanti, mantiene una bella e sobria ciliegia chiara e un tocco di china intrigante. La fase...
Leggi tutto
Vigna 1922 2006
Sangiovese di Romagna
San Martino in Monte 05/04/16 Riccardo Viscardi Rosso rubino cupo e intenso; olfatto su note di frutta matura non stanca con more, leggero gelso, la ciliegia scura e la florealità giovanile e scura. Ottimo lo sviluppo gustativo che trova oltre...
Leggi tutto
Vigna 1922 2011
Sangiovese di Romagna
San Martino in Monte 05/04/16 Riccardo Viscardi Colore rubino decisamente brillante e olfatto costituito da note di frutta nera come la mora e la ciliegia scura, che però ha sfumature meno calde. Torna la spezia fresca mentre la vena balsamica è...
Leggi tutto




Editoriale della Settimana

  • I vini ossidativi

    di Daniele Cernilli 04/07/22

    I grandi vini ossidativi, come i Marsala, le Vernaccia di Oristano, le Malvasia di Bosa, i Vin...

Eventi

Luglio 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
4
5
6
7
12
13
14
15
16
17
18
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL