Nittardi, se il vino è arte (1)

di Stefania Vinciguerra 11/10/16
855 |
|
Nittardi, se il vino è arte (1)

Non capita a tutti, soprattutto abitando in Toscana, di andare a fare una degustazione verticale di Chianti Classico in Germania. Ma fare il giornalista è un lavoro che offre mille sorprese, tra cui anche questa. Il perché è presto detto: il padrone di casa, Peter Femfert, oltre ad essere il fortunato proprietario di Nittardi è anche uno dei più affermati galleristi d'arte di Francoforte. Da lì l'idea di organizzare una degustazione dei suoi vini più prestigiosi proprio in un ambiente insolito quanto di altissimo livello, appunto i locali de Die Galerie, perché - come ha detto - "in galleria mostriamo le belle arti e anche il vino rappresenta un bene culturale".

Che Nittardi abbia a che fare con le belle arti, del resto, è un dato di fatto. La sua storia - già torretta di difesa medievale chiamata Nectar Dei - è legata alla figura di Michelangelo Bonarroti, che ne fu proprietario (ed esiste una citazione dell'epoca che parla del vino ivi prodotto). Il legame con l'arte è portato avanti oggi da Femfert che ogni anno, a partire dal 1981, commissiona a un artista di fama internazionale due quadri originali, uno per l’etichetta del Chianti Classico Casanuova di Nittardi Vigna Doghessa e uno per la carta seta con cui viene avvolta la bottiglia stessa.

Come sia nata questa idea, lo spiega Femfert in maniera molto ironica: "Avevamo appena iniziato a fare vino, non ci conosceva nessuno. C'era bisogno di far parlare di noi e così abbiamo pensato di prendere spunto da chi era posizionato ai massimi livelli". Se a Chateau Mouton Rothschild sono artisti di fama mondiale a disegnare le etichette fin dal 1924 (ce ne sono di Dalì, Mirò, Chagall, Picasso, Andy Warhol…), perché non fare lo stesso sfruttando i profondi legami con il mondo dell'arte che Femfert aveva da sempre grazie alla sua attività di gallerista? Ecco quindi come è nata una collezione che oggi vanta nel suo portafoglio artisti come Hundertwasser, Corneille, Mitoraj, Yoko Ono, Günter Grass, Dario Fo, Kim Tschang Yeul e Karl Otto Götz. "Se non sai come fare una cosa, copiala dal migliore", chiosa scherzosamente Femfert.

Ma oltre ad essere una storia di arte, quella di Nittardi è anche una storia d'amore. L'amore di un gallerista tedesco per l'Italia e la Toscana, e l'amore di Peter per sua moglie Stefania Canali, una storica veneziana alla quale "era giusto regalare una casa tra le splendide colline chiantigiane", tra Castellina in Chianti e Panzano. Arrivati nel 1981 hanno trovato che il precedente proprietario aveva fatto la vendemmia e così loro hanno fatto il vino, la cui etichetta venne affidata al pittore e litografo Bruno Bruni. A partire dal 1982 hanno iniziato il reimpianto dei vigneti, nel 1992 è stata costruita una moderna cantina a sostituire la vecchia tinaia, poi nel 1999 è stata acquistata una tenuta anche in Maremma, a Mongibello delle Mandorlaie, tra Magliano e Scansano. Passo dopo passo la fattoria si è trasformata fino a diventare la moderna azienda vitivinicola con 12 ettari in Chianti, divisi in due appezzamenti, e 26 in Maremma ed è oggi condotta dal figlio di Peter e Stefania, Leon, con la consulenza enologica di Carlo Ferrini.

La degustazione che ci è stata proposta era molto articolata: 11 annate del Chianti Classico Riserva Selezionata, un sangiovese che vede un minimo apporto di merlot e che viene prodotto solo nelle annate migliori. Matura 24 mesi in tonneau da 500 litri, nuove per un terzo, quindi affina a lungo in bottiglia. Sentite la 2012-2011-2010-2007-2004-2001-1999-1997-1995-1993-1985. Poi è stata la volta di 4 annate del Chianti Classico Vigna Doghessa, prodotto da sangiovese in purezza proveniente dalla vigna omonima, il cui nome è una dedica alla moglie veneziana. È una vigna abbastanza alta, 450 metri, su un terreno ricco di galestro e alberese. La maturazione è di 14 mesi in tonneau. Degustate la 2013-2012-2011-2007. Quindi siamo passati al Nectar Dei, il campione maremmano, che è un blend di cabernet sauvignon 40% con merlot, syrah, petit verdot con un 5% di uve "segrete" e del quale abbiamo assaggiato 10 annate: 2012-2011-2010-2009-2008-2007-2006-2005-2004-2003.

Troppo lungo descrivere tutti i vini. Partirò oggi dal Vigna Doghessa, che è stato il primo vino prodotto dall'azienda e che ha visto ormai 33 artisti firmare le sue etichette. Domani andremo alla disfida tra i due campioni aziendali.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

  • I vini agricoli

    di Daniele Cernilli 26/08/19

    Quando produrre un vino è un atto agricolo, rispettoso dell’ambiente e di chi ci...

Eventi

Agosto 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL