Montiano Falesco in verticale (1)

di Daniele Cernilli 20/06/18
2413 |
|
Montiano Falesco in verticale (1)

Il merlot Montiano della Falesco Famiglia Cotarella è un vero classico, ormai, conosciuto in mezzo mondo da esperti e appassionati.

Se c’è un vino che ho avuto l’opportunità di seguire da vicino fin dalla sua nascita, questo è il Montiano della Falesco della famiglia Cotarella. Quando venne prodotta la prima annata, in modo sperimentale e quasi avventuroso, nel 1993, Riccardo e Renzo Cotarella erano quasi degli sconosciuti. Renzo, è vero, già dirigeva il Castello della Sala della famiglia Antinori, azienda della quale oggi è amministratore delegato. Riccardo, oggi presidente di Assoenologi e consulente di fama internazionale, era davvero alle prime armi. Si occupava della produzione della Falesco, allora minuscola azienda di famiglia, poi collaborava con cantine cooperative della zona di Orvieto, con l’azienda del Conte Vaselli e iniziava a occuparsi anche del Montevetrano di Silvia Imparato, in Campania.

Provare a fare un vino di alto profilo qualitativo, da uve merlot e con l’uso delle barrique francesi era un vero azzardo. Tanto che dubbi e discussioni erano all’ordine del giorno, anche con chi poi avrebbe dovuto venderlo quel vino. Uscirono le prime bottiglie sul mercato nel 1995, poche migliaia, qualche magnum, ma se ne accorse subito Robert Parker, il famoso critico americano, che “sparò” immediatamente dei punteggi stratosferici per il Montiano, determinandone un successo di vendita negli Usa insperato e imprevisto. Parker è da sempre un grande esperto di vini di Bordeaux, e in particolare di Pomerol, la patria dei più grandi Merlot del mondo. Quel vino del Lazio, evidentemente, gli ricordava i profili organolettici di alcuni grandi rossi di quella zona, e devo confessare che in diverse degustazioni “alla cieca” ho visto fior di esperti confonderlo con un La Conseillante o con un Gazin, proprio di Pomerol.

Sta di fatto che già con la versione del 1994 il “tutto esaurito” fu centrato con facilità, e la fama del e Montiano, dapprima negli Usa, ma poi anche in Italia, iniziò a diffondersi. La versione del 1995 consacrò il successo anche sulla stampa e nelle enoteche di casa nostra, e poi, anche se sono passati più di vent’anni, la storia la conoscono quasi tutti.

Oggi il Montiano è una wine star, deriva sempre da vigneti ubicati nei pressi del Lago di Bolsena, vicino Montefiascone. Matura sempre per circa un anno (ma il periodo varia a seconda dell’annata) in barrique nuove di rovere francese. Deriva sempre da sole uve merlot.

L’azienda Falesco ora ha due sedi. Quella storica, più piccola, a Montefiascone, nel Lazio. Quella nuova, molto più grande e moderna, a Montecchio, che è già in Umbria, a due passi da Baschi e da Castiglione in Teverina, quasi sul confine fra le due regioni. A dirigerla ci sono ormai Dominga, Marta ed Enrica Cotarella, figlie di Riccardo e di Renzo, che se ne occupano, e molto bene, da diversi anni. Sono cugine, ma si ritengono sorelle a tutti gli effetti.

La gamma dei vini si è molto arricchita. Oltre al Montiano, allo storico Est Est Est Poggio dei Gelsi, il primo vino aziendale, ci sono le linee Tellus, Vitiano, e altri splendide etichette, come il Soente, a base di viognier, e il Marciliano, in grande rosso da cabernet sauvignon, solo per citarne alcuni. I vigneti di proprietà della Falesco affiancata ormai dal marchio Famiglia Cotarella, sono ben 390, e la produzione totale sfiora ormai i tre milioni di bottiglie.

Nonostante tutto questo è ancora il Montiano il vino di riferimento. Un rosso prodotto da uve merlot che ha letteralmente ridisegnato la vitienologia di una zona che non era mai stata in precedenza presa in considerazione come possibile patria di vini del genere. Un vero classico, ormai, conosciuto in mezzo mondo da esperti e appassionati, che lo apprezzano anche per il fatto che per acquistarlo non è necessario sciogliere la propria carta di credito.

Ci vediamo qui domani per leggere la verticale di quasi tutte le annate prodotte, a partire dalla 1996 fino alla 2015.





Eventi

Marzo 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
·
·
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL