Velenosi, la grazia di Ninfa e la longevità di Ludi

di Iolanda Maggio 02/11/21
298 |
|
marianna velenosi e bottiglie

Nasce Ninfa, il vino "giovane" di Velenosi Vini, figlio del Ludi ma con animo più sbarazzino: un vino per un pubblico più vasto.

Pochi giorni fa ho partecipato a una bellissima serata per festeggiare insieme ad Angela e Marianna Piotti Velenosi la loro ultima creazione: Ninfa. L’occasione è stata anche quella di celebrare i vent’anni del loro Ludi. Vent’anni di trasformazioni e determinazione che hanno visto la crescita di respiro internazionale della cantina di famiglia che ora è presente in cinquantacinque Paesi del mondo, ha 160 di proprietà, ai quali se ne aggiungono altri 100 in affitto e produce circa 2 milioni e mezzo di bottiglie distribuite su oltre trenta etichette da due regioni. 

Parliamo prima del Ludi, il cui primo imbottigliamento risale al 1998 che abbiamo assaggiato. Angela voleva un vino internazionale, anche se ci tiene a sottolineare che nelle loro vene scorre montepulciano. Il Ludi viene pensato quindi con un taglio di uve in cui trovassero spazio cabernet sauvignon, merlot e syrah. L’assaggio ci lascia a bocca aperta, il vino mostra, nonostante gli anni sulle spalle, grande stoffa e una vena di freschezza ancora intatta. Stupefacente. Nel 2002 - seconda annata presentata - nasce la Doc Offida e si decide quindi di far rientrare questo vino nella denominazione per far crescere il territorio e far conoscere questa meravigliosa zona delle basse Marche sia al pubblico italiano che straniero. “Siamo entrati nella Doc Offida, che ci è sembrato da subito un bel progetto, ma, per farlo, abbiamo dovuto stravolgere il vino, riducendo la quota di vitigni internazionali per aumentare quella di montepulciano” spiega Angela. Viene meno a questo punto nel blend il syrah. Nel 2010 il vino ha ormai un’identità affermata, uno dei vini più premiati della cantina Velenosi e uno dei più cari alla Signora del Piceno. La quarta annata presentata è l’ultima, che verrà messa sul mercato a dicembre prossimo, il Ludi 2018.

Nei quattro calici davanti a noi si trovano quindi quattro espressioni molto diverse tra loro, che mostrano l’evoluzione di questo vino. Un vino che ha il nome antico dei giochi olimpici, Ludi appunto, ma che giocando è al contempo molto ragionato. “Alle olimpiadi si va preparati, altro che gioco” ci tiene a sottolineare Angela, splendida come sempre e sorridente, col calice in mano.

Il nuovo vino, il Ninfa, prima uscita con tiratura di quarantamila bottiglie, si vuole ricollegare un po’ al desiderio per cui era nato il Ludi, un vino per un pubblico più vasto, non un top di gamma ma un vino quotidiano, pronto e di facile bevibilità. L’obiettivo è stato centrato alla grande.

Accattivante l’etichetta, nata per caso durante una delle prove d’assaggio. Uno schizzo di vino caduto sulla tovaglia per un bicchiere urtato accidentalmente. La folgorazione: l’immagine sfumata di donna, leggiadra ma di una bellezza dirompente. Rosso vino su sfondo nero. Delicatezza e carattere, come le donne di casa Velenosi. “Mia madre è sempre stata brava a dare i nomi ai vini - ci dice Marianna - ed è un lavoro difficilissimo, perché è qualcosa che non puoi cambiare in corso d’opera e resta legato al vino per tutta la sua vita. Deve funzionare subito". Nel Ninfa ritorna il syrah a completare il blend, un po’ come il Ludi di vent’anni fa ma con una lavorazione in cantina che gode delle più moderne tecniche e che proprio nel giorno della nostra cena di festeggiamento ha ottenuto la certificazione biologica. Per questo il figlio di Angela, Matteo - che segue la produzione in cantina - è rimasto a casa e non ha potuto essere dei nostri. 

A completare la degustazione, già straordinaria così, ci hanno pensato gli ultimi tre assaggi: il Rêve Offida Pecorino 2019, il Verso Sera Colline Teramane Montepulciano d’Abruzzo 2019 e lui, il mio “punto debole” il Roggio del Filare Rosso Piceno Superiore 2018 che anche quest’anno ha ottenuto il nostro Faccino DoctorWine. 
 

Ninfa Marche Rosso 2019 

90/100 - € 18

Da uve cabernet sauvignon, merlot, montepulciano e syrah. Rubino violaceo. Al naso aromi di frutta rossa, more e ciliegia con anche accenni di cenere. Al palato è caldo ed elegante, di forte impatto e di grande progressione gustativa, dal carattere fermo e deciso segnato da tannini finissimi, morbidi e rotondi. Chiude lungo con piacevolissimi ritorni fruttati.

Offida Ludi 2018 

94/100 - € 27

Da uve montepulciano 85%, poi cabernet sauvignon, merlot in parti uguali. Barrique per un anno. Rubino molto intenso e concentrato. Speziato, balsamico e fruttato, con sentori di amarena, pepe, cacao, kirsch, tabacco biondo e lampone. Sapore deciso, di ottimo corpo, caldo ma teso, con tannini molto fini, integrati e fitti. Ottima persistenza finale.

Offida Ludi 2010 

93/100 - € 25

Da uve montepulciano 85%, poi 8% cabernet sauvignon, 7% merlot. Matura 1 anno in botte. Rubino cupo e concentrato. Particolarmente speziato al naso con note di pepe e vaniglia, poi amarena e mirtilli. Sapore solido ma agile, ricco, caldo, salino, vellutato e molto lungo. 

 

Marche Rosso Ludi 2002

91/100 - € 25

Da uve montepulciano 85% con cabernet sauvignon e merlot. Matura 1 anno in botte. Rubino scuro con unghia granata. Annata difficile e si sente, meno intenso al naso, note cupe di sottobosco con cenni balsamici, cacao, tabacco e cenni di frutta rossa scura. Al palato è equilibrato, composto e pieno. Tannini morbidi e calore. Buona la persistenza nel finale. 

Rosso delle Marche Ludi 1998

97/100 - Non più sul mercato

Da uva syrah, montepulciano, cabernet sauvignon e merlot. Matura 1 anno in botte. Rubino granato. Bouquet ancora integro: le note aromatiche sono di caffè, cacao dolce, anice e spezie, poi  delicati sbuffi di frutta secca e pot-pourri. Il sorso è delicato ma ancora vispo, boschivo e balsamico con un finale dai ritorni mentolati e lunghissimi.

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Ninfa 2019
Velenosi Vini 02/11/21 Iolanda Maggio Da uve cabernet sauvignon, merlot, montepulciano e syrah. Rubino violaceo. Al naso aromi di frutta rossa, more e ciliegia con anche accenni di cenere. Al palato è caldo ed elegante, di...
Leggi tutto
Ludi 2018
Offida
Velenosi Vini 02/11/21 Daniele Cernilli Da uve montepulciano 85%, poi cabernet sauvignon, merlot in parti uguali. Barrique per un anno. Rubino molto intenso e concentrato. Speziato, balsamico e fruttato, con sentori di amarena, pepe,...
Leggi tutto
Ludi 2010
Offida
Velenosi Vini 02/11/21 Iolanda Maggio Da uve montepulciano 85%, poi 8% cabernet sauvignon, 7% merlot. Matura 1 anno in botte. Rubino cupo e concentrato. Particolarmente speziato al naso con note di pepe e vaniglia, poi amarena e...
Leggi tutto
Ludi 2002
Offida
Velenosi Vini 02/11/21 Iolanda Maggio Da uve montepulciano 85% con cabernet sauvignon e merlot. Matura 1 anno in botte. Rubino scuro con unghia granata. Annata difficile e si sente, meno intenso al naso, note cupe di sottobosco con cenni...
Leggi tutto
Ludi 1998
Offida
Velenosi Vini 02/11/21 Iolanda Maggio Da uva syrah, montepulciano, cabernet sauvignon e merlot. Bouquet ancora integro: le note aromatiche sono di caffè, cacao dolce, anice e spezie, poi  delicati sbuffi di frutta secca e...
Leggi tutto
Logo Velenosi Vini
12/02/16 Redazione Se oggi i vini dell’Ascolano hanno considerazione internazionale molto si deve all’opera efficace di Angela Velenosi, che gira il mondo per vendere i suoi, ma che inevitabilmente compie...
Leggi tutto




Editoriale della Settimana

Eventi

Gennaio 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·
https://www.cantineromagnoli.it/
https://www.cantineromagnoli.it/

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

>

I NOSTRI CANALI SOCIAL