Spazio ai giovani da Conti Zecca

di Annalucia Galeone 06/09/19
1336 |
|
Clemente Zecca Conti Zecca

Ventiquattr’anni, curriculum già di rispetto, idee chiare: Clemente Zecca si espone in prima persona per portare nuova linfa alla storica azienda.

Conti Zecca è una delle realtà vitivinicole più antiche e importanti nel Salento. Passione, tradizione e cinque secoli di storia (di cui ottant’anni di vita dell'azienda), si intrecciano rispettando e valorizzando l'identità del territorio. Era il 1580 quando Francesco Antonio Zecca, imprenditore agricolo di origine napoletane, si trasferisce a Leverano. Nel 1884, per il ruolo propulsivo svolto nello sviluppo economico, Papa Leone XIII conferisce alla famiglia il titolo comitale. 

Le insidie e le sfide del tempo non hanno scalfito la gloria e l'intraprendenza. Nel ricambio generazionale non si avverte discontinuità, lo spirito di iniziativa è intatto. Oggi, l'eredità dei fratelli Alcibiade, Francesco, Luciano e Mario Zecca è stata affidata al giovane Clemente figlio di Mario, un lord dei giorni nostri. Ha ventiquattro anni e le idee ben chiare, laureato in Economia e Marketing a Roma alla John Cabot University, si è poi specializzato in Cultura del Vino Italiano a Pollenzo. Ha portato nuova linfa e stimoli all'impresa. “Innovazione e tradizione hanno un confine sottile, non bisogna esagerare e stravolgere - sottolinea Clemente Zecca -. L'innovazione fa bene al comparto quando trasforma il vino nella chiave di lettura del luogo. Sono contrario all'uso del drone o del cavallo in campagna, è imprescindibile la presenza del contadino e l'utilizzo di moderni macchinari per agevolare gli interventi in vigna”. Prosegue poi Clemente: “Il Salento piace ai turisti stranieri per la sua semplicità, ha uno charme particolare nello stile di vita e nel modo di fare. Non bisogna alterarlo con iniziative che soffocano la naturale vocazione. Forse all'inizio è mancata la professionalità perché siamo stati presi in contropiede dal successo inaspettato”. 

Clemente ha un forte legame con le sue origini, conosce i terreni palmo a palmo, ognuno ha il suo nome, tutto parte dal suolo. All'interno dei 320 ettari di proprietà ha individuato tre cru, ogni zona è identificata con una masseria di riferimento: Don Cola nella Doc Leverano, Rifugio a Veglie, Cantalupi nella Doc Salice Salentino. La produzione è da sempre sostenibile, con l'aiuto dell'agronomo Ruggero Mazzilli, collaboratore di Angelo Gaja e Angiolino Maule, sta procedendo alla conversione in biologico, già avviata cinque anni fa, per rigenerare i terreni e restituire forza e vitalità. Al momento sono stati trasformati 60 ettari. 

L'attenzione è focalizzata sulla linea bio Vini del Territorio, che simboleggia la tutela delle radici. Liranu, Rifugio, Mendola, Colavento e Venus sono vini dalla forte personalità, monovitigni dalle varietà autoctone primitivo, negroamaro, fiano, malvasia bianca e moscato. Nero è il più noto tra i Vini Icona, un blend di negroamaro e cabernet sauvignon, la prima annata risale al 1998, lo stile è internazionale, è stato ribattezzato Superpuglian, un’invenzione per strizzare l'occhio alla supremazia dei vini toscani e sottolineare il pregio dei vini di Puglia. L'enologo è Giorgio Maroni, allievo di Giacomo Tachis. Fanno parte della collezione Vini Icona Luna, un blend paritario di malvasia bianca e chardonnay. Il nome evoca la consuetudine ad assaporare questo vino in un'atmosfera conviviale. Terra è un aglianico in purezza, ricorda il rispetto reverenziale per la madre terra e l'impegno a non alterare il suo delicato equilibrio. Il primitivo si chiama Rodinò, che significa rosso in griko, dialetto neo-greco parlato nell'area salentina denominata Grecìa. Nell'immaginario popolare Rodinò era un folletto avvolto in un mantello rosso, nelle tenebre della notte distribuiva il nettare di Bacco.

Nero 2003

95/100 – € 44

Da uve negroamaro 70% e cabernet sauvignon 30%. Matura 18 mesi in barrique di rovere francese e affina 6 mesi in bottiglia. Annata calda. Rosso granato intenso, naso ampio, esprime all'olfatto la sua complessità con sensazioni fruttate di amarena sotto spirito e di sottobosco, note speziate, tabacco e cuoio con un finale di liquirizia. Al palato è avvolgente, elegante, fresco, tannino evoluto dalla lunga persistenza. 

12.000 bottiglie prodotte. 

Nero 2005

91/100 – € 40

Da uve negroamaro 70% e cabernet sauvignon 30%. Matura 18 mesi in barrique di rovere francese e affina 6 mesi in bottiglia. Annata più equilibrata rispetto alla 2003. Colore rubino scuro. Regala al naso un bouquet di frutti rossi, amarena e mora, note vegetali e balsamiche, caffè e vaniglia. Trama tannica equilibrata e persistente. Buon finale. 

12.000 bottiglie prodotte. 

Nero 2016

94/100 - € 23

Da uve 70% negroamaro 30% cabernet sauvignon. Matura 18 mesi in barrique francesi e poi 12 in botti grandi. Affina minimo 6 mesi in bottiglia. Colore granato cupo, presenta al naso un grande ventaglio aromatico, frutti rossi, spezie, carruba, caffè e cioccolato. Palato morbido e caldo con una trama tannica perfetta. Finale davvero convincente e di ottima persistenza. Un giovane scalpitante già di gran classe.

In vendita da Natale.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL