Rottensteiner: vini sulle pietre rosse

di Riccardo Viscardi 28/11/19
332 |
|
Judith Rottenstainer cantina alto adige

Un’azienda altoatesina storica che, tra vigneti di proprietà e conferitori da generazioni, riesce a dire la sua in una regione di altissimo livello qualitativo.

Gli spazi della Guida essenziale ai vini d’Italia sono tiranni e in certe regioni le scelte sono dolorose e faticose. L’Alto Adige risente particolarmente di questa situazione in quanto la qualità media è molto elevata e le aziende numerose, così cerchiamo di farci “perdonare” con recensioni durante l’anno. 

Un piacevole incontro a Roma ci ha permesso di approfondire la conoscenza con i vini della famiglia Rottensteiner che affonda le proprie radici nel territorio fin dal nome, che significa pietre rosse, che guarda caso è il terreno ove sorse qualche secolo fa il maso di Reiterhof, luogo di nascita di Toni il Capostipite. Ora l’azienda è in mano ai figli che la conducono con piglio innovatore, imbottigliando gran parte della produzione che proviene dai 4 masi di famiglia sempre nella zona intorno a Bolzano, con circa 12 ettari di terreno vitato. Ma i Rottensteiner hanno ben 60 conferitori da altre zone altoatesine che da generazioni conferiscono le uve alla famiglia creando un gruppo molto affiatato e orgoglioso, portando il totale di ettari a quasi 90. 

La differenziazione dei conferitori fa sì che le uve vengano prodotte da terreni particolarmente vocati per singole produzioni di vitigni diversi, come per esempio il sauvignon che viene da San Michele Appiano. Durante la degustazione ci hanno particolarmente colpito il Sauvignon e il Santa Maddalena mentre per il cavallo di battaglia aziendale, il Pinot Bianco, ci siamo riservati un secondo assaggio.

Alto Adige Sauvignon 2018 

93/100 - € 12 

Da uve sauvignon, affina in acciaio per qualche mese sui lieviti. Paglierino scarico con riflessi verdolini ha un olfatto intenso e nitido con sentori di bosso, pietra focaia, sottobosco invernale e un accenno di tropicale. Fase gustativa molto scorrevole, saporita, con una freschezza invidiabile e un finale saporito, sapido ed elegante.

10.000 bottiglie prodotte.



Alto Adige Santa Maddalena Classico Vigna Premstallerhof 2018

91/100 - € 11

Da uve schiava con un piccolo saldo di lagrein. Matura 6-8 mesi in botti di rovere. Rubino scarico brillante, mostra un accattivante olfatto su note floreali, viola e ciclamino, e leggermente fruttate di ciliegia fresca, oltre a un lieve tocco speziato. Bocca agile e saporita, piuttosto elegante e sapida con il finale molto coerente, piacevole e persistente.

Il maso Premstaller, da cui deriva questo cru, è lavorato da Gertrud Vogel seguendo i principi biodinamici.

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Dicembre 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
3
4
5
6
10
12
16
20
21
22
23
24
25
26
30
31
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL