Palazzone, da “dimenticare” in cantina

di Livia Belardelli 23/10/14
1109 |
|
Palazzone, da “dimenticare” in cantina

Siamo su un lungo tavolo che guarda le vigne. I colori sono l'oro del sole, il verde della natura e l'azzurro di un cielo terso. È un’estate anomala quest’estate, il sole accarezza senza bruciare.
Davanti alle vigne, nel pieno di un pranzo gourmet (preparato dal giovanissimo e bravissimo chef Salvatore Canargiu) a supporto di una splendida degustazione, Giovanni Dubini esordisce così, citando Elio Altare: "Il 50% del vino è bucio di culo”. Un concetto diretto e difficilmente confutabile. D’altronde di “fortuna” ce ne vuole tanta. Se non altro perché a far vino, pur non volendo, un socio lo si ha sempre: la natura. E che la si consideri matrigna, crudele e indifferente come quella leopardiana che lascia sbranare l’islandese e abbandona il pastore errante col naso in su a monologare con una luna silenziosa e indifferente oppure che la si consideri madre terra, benigna e protettrice, la faccenda non cambia. I conti bisogna farceli comunque. Del resto però, a guardarla da questo poggio incantato, sembra tutt'altro che matrigna, bella, verde e solare com'è.
Dietro questa vista da togliere il fiato appare imponente anche uno spettacolo umano: il “palazzone” appunto, residenza di epoca medievale, probabilmente costruita per prelati e pellegrini diretti a Roma per il Giubileo del 1300 indetto da Papa Bonifacio VIII.
Dal '78, con la prima vendemmia, Palazzone è però anche una realtà vinicola importante del panorama orvietano con una produzione di circa 130-140.000 bottiglie e una convinzione precisa: puntare con orgoglio sul vino Orvieto che, come dice Giovanni, “deve per forza avere molti pregi visto che si produce da 2500 anni”. A farla da padrone sono le bacche bianche che sfiorano il 90% della produzione aziendale. Tra i vitigni coltivati soprattutto varietà locali come verdello, malvasia, procanico e grechetto, sapientemente miscelati in una degustazione di quelle che non ti aspetti in cui il popolare vino umbro affronta e vince a testa alta la sfida del tempo sfornando aromi evolutivi e un profilo da grande bianco da invecchiamento.

Prodotti Correlati

  Prodotto Produttore Pubblicato il Autore Leggi
Terre Vineate 2010
Orvieto Classico Superiore
Palazzone 23/10/14 Livia Belardelli Procanico e grechetto con saldo di verdello e malvasia. Un naso fresco e fragrante, piacevolmente increspato di erbe aromatiche, fiori d'arancio e agrumi. In bocca è sapido e succoso, molto...
Leggi tutto
Campo del Guardiano 2009
Orvieto Classico
Palazzone 23/10/14 Livia Belardelli Procanico e grechetto, saldo di verdello e malvasia. Stesse uve del Terre Vineate ma zona diversa che gode di un'esposizione ideale e viene chiamata dai contadini da generazioni Campo del Guardiano....
Leggi tutto
Campo del Guardiano 2002
Orvieto Classico
Palazzone 23/10/14 Livia Belardelli Vino anomalo da uve raccolte a fine ottobre, in parte botritizzate. Il colore è uno splendido oro ambra. Il naso è insinuante, caratterizzato da una dolcezza affumicata, anice e a seguire note...
Leggi tutto
Campo del Guardiano 2001
Orvieto Classico
Palazzone 23/10/14 Livia Belardelli Uno spettacolo inimmaginabile per un “semplice” Orvieto. Giallo paglia e naso di grande carattere, affumicato, balsamico e seduttivo. La bocca dimostra ancora grande freschezza ed equilibrio...
Leggi tutto
Campo del Guardiano 1993
Orvieto Classico
Palazzone 23/10/14 Livia Belardelli Vino interessante per comprendere una volta di più la longevità di questo cru. Profuma di frutta secca e pot pourri di fiori. Ancora fresco in bocca ma orientato meritatamente verso la sua fase...
Leggi tutto
Viognier 2013
Umbria
Palazzone 23/10/14 Redazione Giallo paglia chiarissimo. Semplice e piacevole, dal piglio frizzante e dai profumi orientati su note dolci e cipriate. Bocca verticale e fresca.
Tixe Pinot grigio 2013
Umbria
Palazzone 23/10/14 Livia Belardelli Tixe o Exit? Color rame chiarissimo, con sfumature color cipolla. Naso molto interessante di grande aromaticità, erbe, timo e melograno. La bocca è larga e fresca, sapida e di buona lunghezza.
Muffa nobilis
-
Palazzone 23/10/14 Livia Belardelli 100% sauvignon. All'esame olfattivo profuma di erbe aromatiche, fiori gialli, camomilla e una punta di miele. In bocca è di giusta dolcezza e composto equilibrio tra componente dolce e acidità....
Leggi tutto




Editoriale della Settimana

Eventi

Maggio 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
2
3
4
8
10
11
12
17
18
19
24
25
26
31
·
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

>

I NOSTRI CANALI SOCIAL