La forza di Clelia Romano e del Fiano Colli di Lapìo

di Antonella Amodio 05/05/20
4637 |
|
Clelia Romano Colli di Lapio Antonella Amodio

La piccola cantina Colli di Lapìo di Clelia Romano conquista per serietà, dedizione e qualità.

Assaggiai per la prima volta il Fiano di Avellino di Colli di Lapio, Clelia Romano, nel 1998, quando ero al secondo corso di sommelier Ais e un amico di banco mi segnalò l’etichetta. Fu amore al primo sorso. Mi colpì la profondità olfattiva e gustativa del vino e la forza - intesa come acidità – che richiamava il sorso instancabilmente. Era il millesimo ‘96, salutato come eccezionale in Italia e in Francia. Clelia si proponeva sul mercato degli appassionati solo da qualche anno (la famiglia Romano coltiva uve da generazioni) e il suo fiano segnò un nuovo corso per il bianco irpino, privilegiando acidità e freschezza alla rotondità e alla dolcezza alle quali i consumatori erano abituati

Colli di Lapìo fece scoprire anche il piccolo borgo dal quale prende il nome come luogo ideale per la viticultura, dove il clima freddo, secco e ventilato regala vini che esprimono al meglio il rapporto uva/territorio, imponendosi per carattere ed eleganza, per longevità e tipicità. Lapìo, che conta appena 1700 abitanti, vanta la doppia denominazione Docg: Fiano di Avellino e Taurasi.

Oltre a Lapìo, i vigneti di Clelia Romano sono distribuiti negli areali di Scarpone, Arianiello (sede della cantina) e Stazzone, tutti tra i 500 e i 550 mt di quota. Oltre al vitigno fiano, sono coltivate le uve greco e aglianico. La piccola cantina Colli di Lapìo ha conquistato – e conquista – per serietà, dedizione e qualità. Le bottiglie aperte nell’occasione della mia visita in cantina hanno dimostrato – semmai ce ne fosse stato bisogno - l’affidabilità e la certezza di bere vini che hanno bisogno di tempo per esprimersi al meglio. Un esempio è il Fiano di Avellino annata 2011, giovane, anzi giovanissimo, dove le note presenti sono l’acidità e la freschezza accompagnate dalla pulizia dei profumi. 

Oggi Clelia è aiutata in cantina dalla figlia Carmela. Insieme costituiscono la forza e il volto di Colli di Lapìo. 

Fiano di Avellino 2018

92/100 - € 14,00

Da uve fiano. Acciaio. Giallo paglia e note di mela verde, foglia di pomodoro e cedro si alternano alla nuance di nocciola fresca. Al palato è teso, fresco e verticale. Di chiara pulizia e persistenza.

 

Fiano di Avellino 2017

92/100 - € 14,00

Da uve fiano. Acciaio. Giallo paglierino.  Profumi di albicocca, fiori di tiglio e pompelmo. Decisamente fresco, vibrante ed appagante. Armonico e di lunga persistenza aromatica.

 

Fiano di Avellino 2011

93/100 - € 14,00 

Da uve fiano. Acciaio. Giallo paglia brillante e naso esplosivo di fiori bianchi, buccia di agrumi e ostrica. Salino, verticale e con accentuata freschezza. Equilibrato e di ineccepibile eleganza. 

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Gennaio 2021
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·
·
https://shop.doctorwine.it/prodotti/libri/vini-per-tutte-le-tasche-by-doctorwine
http://www.consorziovinotoscana.it/

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL