L’onda del cambiamento ad Amastuola

di Annalucia Galeone 08/04/20
1743 |
|
Masseria Amastuola vigneti a onda

La masseria tarantina Amastuola si presenta con un meraviglioso vigneto giardino, un wine hotel, ristorante di classe e vini di ottima qualità.

Tra i dolci pendii delle colline di Crispiano, a 210 metri sul livello del mare, nel cuore di un'area sottoposta a vincolo archeologico, si trova Amastuola, la cantina con il vigneto giardino tra i più belli in Europa, premiato con importanti riconoscimenti internazionali per aver aperto nuove frontiere alla valorizzazione del territorio e buona pratica per il recupero di aree non più produttive anche a fini turistici. 

Qui, funzionalità ed estetica, architettura e paesaggio agrario si fondono secondo il progetto di Fernando Caruncho, il filosofo paesaggista spagnolo noto per l'eleganza geometrica, la ricerca di luce e meditazione nelle sue realizzazioni in Europa, Giappone e Nuova Zelanda. I filari sono disegnati in onde accentuate e parallele che si prolungano e oscillano per tre chilometri. Il vigneto e le 24 oasi di 1500 ulivi secolari simboleggiano il movimento e la trasformazione continua del singolo e del mondo, ha una propria musicalità, punta al cuore e non alla ragione per ritrovare il genius loci. Quando tutti i livelli sono in corrispondenza e in equilibrio si scopre l'autenticità e la bellezza dello spazio circostante. 

La struttura è stata acquistata nel 2002 da Giuseppe Montanaro, titolare del gruppo Kikau, i lavori di recupero e piantumazione sono durati quattro anni. Nella gestione lo aiutano i figli Ilaria, Donato e Filippo e il genero Giuseppe Sportelli. I 100 ettari vitati costituiscono il vigneto biologico più grande in Italia raccolto in un unico corpo, si coltivano quattordici varietà di uve, predomina la bacca rossa, primitivo, merlot e syrah, in minor quantità le varietà bianche sauvignon, chardonnay, fiano e malvasia bianca di Candia. 

I vini prodotti nascono dall'incontro tra tradizione e innovazione, le etichette sono dodici. , abbreviazione di Rosaria, è l'ultima arrivata, un omaggio alla memoria della moglie del patron Giuseppe. È uno spumante di chardonnay in versione metodo classico, millesimato, affinato 24 mesi sui lieviti, fresco, sapido e persistente, 1000 bottiglie non ancora in commercio. 

Accanto al maestoso giardino si erge l'antica masseria del 1400 che ospita un wine hotel con 18 camere, il ristorante 'Le arcate', la libreria e la bottaia. “Abbiamo conosciuto Caruncho leggendo Mirrors of Paradise una raccolta dei suoi primi quindici anni di lavoro - afferma Giuseppe Sportelli, il direttore commerciale di Amastuola -. L'onda del cambiamento è la metafora adottata dalla famiglia Montanaro. Da subito siamo entrati in sintonia con Fernando, l'artista collega l'umano e il naturale in un modo tale da ricordare il nostro posto nello schema delle cose. Condividiamo l'idea di paesaggio collegato alla ritmica successione delle fasi della natura e non dimensionale. Il tempo con le stagioni modifica i colori e le forme così come l'intervento dell'uomo potando un albero, ripristinando un muretto a secco o una strada. Fernando non utilizza piante ornamentali, predilige la vite, l'ulivo e il grano”. 

 Ad Amastuola si applica l'agricoltura di precisione, in collaborazione con varie università italiane si studiano e monitorano tecniche di produzione all'avanguardia, la stazione agro-meteorologica che insieme all'impianto di irrigazione autocompensante a goccia e alla camera a pressione di Scholander fornisce dati utili per gestire l'applicazione dei presidi fitosanitari e interviene con l'irrigazione di soccorso solo quando è necessario.  Supervisionano l'attività in cantina e in campagna come consulenti esterni Roberto Zironi, professore ordinario dell'università di Udine, e l'agronomo Giovanni Bigot, da tempo si utilizza l'indice omonimo. L'enologo in loco è Teodosio D'Appolito.

Vediamo ora alcuni vini, dal semplice rosato (dall’ottimo rapporto qualità/prezzo) via via a salire verso i vini più complessi.

Ondarosa 2009

88/100 – € 6,00

Da uve di aglianico. Criomacerazione per 24 ore, acciaio. Cerasuolo intenso. Ampio, note fruttate di ciliegia e more, floreali di rosa ed erbe aromatiche. Fresco, salino ed equilibrato.

Bottiglie prodotte 10.000.

Onda del tempo 2016    

91/100 - € 12 

Blend ottenuto dalla selezione di primitivo, aglianico, merlot e cabernet sauvignon in uguale percentuale. Matura 16 mesi in botti di rovere francese. Rubino cupo e profondo. Olfatto intenso e avvolgente, con frutti rossi, cioccolato fondente e spezie. Bocca elegante, tannini fitti e levigati. Finale lungo e persistente.

Bottiglie prodotte 5.000.

Lamarossa 2015

93/100 - € 15,00

Da uve primitivo. Fermenta in rovere di Allier e matura un anno tra botti grandi e cemento. Rubino carico. Naso con frutti di bosco, spezie e note balsamiche. La bocca è piena, sapida, decisa e tesa, con tannini ben assorbiti, per un finale lungo e persistente. 

 

Centosassi 2015

96/100 - € 26,00

Da uve primitivo. Matura 30 mesi in barrique. Rubino impenetrabile. Naso molto complesso intriso di frutta rossa, prugna e gelso con note dolci di carruba, cuoio e tabacco. Il palato è potente ma di grande armonia grazie a un’acidità che dona freschezza ed equilibrio. Finale lunghissimo e di ottima gradevolezza. 

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Agosto 2022
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL