Il Moscato d’Asti è Ca d’Gal

di Riccardo Viscardi 18/07/18
1690 |
|
ca d gal sant'ilario vigneti vite vecchia Piemonte

Da 150 anni ai vertici della produzione del moscato bianco di Canelli, la famiglia Boido ne propone diverse versioni, come il grandioso Vite Vecchia e l’ottimo Sant'Ilario.

Quando inizia l’estate il mio primo istinto enoico mi dice: Moscato d’Asti. Un vino estremamente sottovalutato dagli appassionati che non sanno cosa si perdono. Unico al mondo, è il prodotto di una vera genialata italica sia a livello tecnico che a livello di comprensione del fenomeno. Ora la tecnologia ci aiuta molto nel lavoro che nel secolo scorso era decisamente ondivago. Ma la capacità del produttore e la sua sensibilità hanno una parte predominante anche adesso.

La famiglia Boido - proprietaria di Ca’ d’ Gal - da tre generazioni si occupa di moscato, in quel di S. Stefano Belbo che ne è uno dei massimi luoghi di elezione. Alessandro, negli anni, ha codificato due meravigliose interpretazioni di questa tipologia. Il Vite Vecchia che ci riporta ai primi Moscato dell’inizio del secolo scorso, con una lieve surmaturazione e una cremosa bollicina quasi inavvertibile, con un olfatto intrigante sulla buccia arancio e la pesca anche gialla, e il Sant’Ilario una versione più agile e scattante con un olfatto che vira leggermente sulla salvia e la nespola.

Due versioni fantastiche, con il Vite Vecchia che provoca gli ignari uscendo con grande ritardo sul mercato, dimostrando che quando ben eseguito questo vino è molto longevo: recentemente bevuto un 2007 in grande spolvero. Un vino non solo da ombrellone, quindi, ma che si può abbinare a piatti anche importanti e speziati tipici della cucina cantonese e, con una piccola provocazione, a piatti freddi della cucina mediterranea (in questo caso, però, meglio il Sant’Ilario).

Prodotti Correlati





Editoriale della Settimana

Eventi

Luglio 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
1
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL