Il diario di Patricia Guy, Agosto 2019

di Patricia Guy 03/09/19
481 |
|
Patricia Guy sull'amaca rubrica agosto

Ecco il diario dell’assolato mese di agosto della nostra amica giornalista inglese Patricia Guy.

Verona in agosto ha vissuto un'ondata di caldo senza precedenti. Come ogni degustatore sa, bere vino in un caldo estremo non è mai una decisione saggia. Così, ho assaggiato solo nei giorni freschi, che sono stati pochi.

23 agosto: È prevista pioggia rinfrescante

Abbiamo aperto una bottiglia di Masi Amarone della Valpolicella Classico 1988, un'annata eccezionale. Sì, aveva 31 anni. L'ho aperto pensando che avrebbe potuto non aver mantenuto le promesse, dopo essere stato conservato nella nostra cantinetta. Ma, appena l’avevo annusato, era chiaro che il vino era ancora emozionante. 

Note degustative: Rubino scuro e profondo con una lucentezza leggermente aranciata. Al naso ho trovato sfumature di prugne disidratate, fuse con aromi terziari che ricordano le noci, il cuoio morbido e la ruggine. Il palato era pulito e sodo, con un’integrazione di sapori fine e soddisfacente. Finale lungo e piacevole. Dopo 15 minuti nel bicchiere la fragranza e il sapore sono rimasti saldi.

Chi mi conosce sa che apprezzo le annate più vecchie. Questa deriva indubbiamente dalla mia esperienza in passato come broker di Bordeaux a Londra, molti anni fa. Amo le sensazioni al palato di una vecchia annata. Si può sentire la sua evoluzione ad ogni sorso. Al palato si dispiega: una sensazione agrodolce, affascinante e malinconica al tempo stesso. 

19 agosto: Un altro giorno fresco. Questa volta un Valpolicella

Valentina Cubi Iperico Valpolicella 2017 (biologico). Rubino scuro e vibrante. Al naso, note di prugne secche e susine che persistono al palato. Una spolverata di pepe nero appena macinato. Finale piuttosto lungo e fruttato.

Ne bevo un bicchiere con una cena a base di petto di tacchino alla griglia e pasta condita con spinaci al vapore e piselli.  Più tardi, abbino il prossimo bicchiere ad un episodio di Glow su Netflix. Due giorni prima, quando ho aperto la bottiglia, Michael ed io ne abbiamo bevuto un calice con “Kale Fribble” (una torta rustica fatta con cavolo nero riccio, ndr), preparata con una ricetta trovata nel meraviglioso libro di Bert Greene, Greene on Greens. Non avevo mai visto o sentito la parola "fribble" prima di aprire questo libro: indica una torta senza crosta. Questo vino versatile ed elegantemente fruttato è andato giù che è un piacere con questa torta. Chi lo immaginava? Valpolicella e cavolo nero!  

8 agosto: Un breve e fresco incantesimo con Valentina Cubi

Il caldo senza precedenti si è rotto per un po' di tempo, così ho aperto il Valentina Cubi Valpolicella Classico Superiore 2016 per una cena a base di cheeseburger. Colore rubino scuro e brillante. Il caldo fruttato della ciliegia matura all'olfatto prosegue fino al palato vellutato. Avvolgente e soddisfacente. Biologico, tra l'altro. La qualità del vino mi fa quasi desiderare di avere l'energia per fare qualcosa di più importante di un cheeseburger. Una succulenta bistecca, forse?

Sopra troverete una foto della vista dal giardino di Valentina.   

5 agosto: Giù per la tana del coniglio

Riceviamo una telefonata da qualcuno che collaborava una volta con delle aziende vinicole; ci invita a incontrare un giovane produttore della Valpolicella. Sono sempre felice di provare i vini dei produttori emergenti. Arriviamo a casa del nostro ospite in Valpolicella intorno alle 10:30. Il tempo passa nel suo bel giardinetto. Presto si avvicina mezzogiorno e non siamo ancora partiti per l’azienda del produttore. Il nostro padrone di casa chiama alcuni amici - una bella coppia che sta avendo un giorno di ferie - e loro ci raggiungono. Dopo un'altra chiacchierata, andiamo a pranzo, cui si presenta il produttore. Mangiamo e poi ripartiamo verso la cantina. Andiamo in giro con il produttore e guardiamo i vigneti. Andiamo nella sua minuscola cantina d'invecchiamento e si continua solo a parlare.

Alla fine, non ne posso più e chiedo di assaggiare i vini! Il giovane produttore sembra sollevato, ma è evidente che gli altri pensano che io abbia fatto una grave gaffe sociale. Ci sediamo nella fresca e ordinata rivendita. Il nostro ospite iniziale beve, mentre Michael ed io assaggiamo. Gli amici dell'ospite sono un po' inorriditi dal fatto che io e Michael sputiamo. Sputare, come sanno i professionisti del vino, fa parte della degustazione. Se i degustatori ingoiassero ogni goccia di vino che passa dalle loro labbra, sarebbero “pie-eyed” (= sarebbero ubriachi, ndr) prima dell’ora del tè.

Il nostro ospite iniziale beve, mentre Michael ed io assaggiamo. Gli amici dell'ospite sono un po' inorriditi dal fatto che io e Michael sputiamo. Sputare, come sanno i professionisti del vino, fa parte della degustazione. Se i degustatori ingoiassero ogni goccia di vino che passa dalle loro labbra, avrebbero gli “occhi a torta” (= sarebbero ubriachi, ndr) per l'ora del tè.

Il produttore è intelligente, e non vedo l'ora di riassaggiare i suoi vini fra un anno o due. 

Lezione d'inglese 1: l'espressione inglese “down the rabbit hole” (nella tana del coniglio, ndr) è usata per indicare una situazione o un ambiente bizzarro, confuso o insensato, tipicamente quello da cui è difficile districarsi. (Avete presente “Alice nel paese delle meraviglie?)

Lezione d'inglese 2: “Pie-eyed” (occhi a torta, ndr) significa "estremamente ubriaco". L’espressione risale ai primi anni del Novecento 1900 e deriva dallo sguardo fisso e dagli occhi spalancati degli ubriachi ("Lo hanno messo giù a un tavolo, si sono seduti intorno a lui e hanno ingollato lo scotch fino a quando non sono stati tutti con gli occhi a torta (pie-eyed)", George Ade, 1904).

Durante il viaggio di ritorno a casa, il nostro ospite ci ha invitato a tornare da lui la sera successiva per un concerto rock che si sarebbe tenuto in un campo.

"La risposta della Valpolicella a Woodstock", ha detto con orgoglio.

"Chi si esibirà?" chiese Michael.

"Creedence Clearwater Revival!"

"Non sono tutti morti?" chiese Michael.

"Uno dei componenti della band originale è ancora vivo".

"Quale?"

Tanto per farlo sapere, John Fogarty, al momento di questo scritto, è ancora vivo e vegeto.

Abbiamo rifiutato l'invito. Invece ho tirato fuori un CD di Creedence Clearwater e ho ballato intorno al soggiorno, ascoltando “Green River” mentre Michael leggeva sobriamente i necrologi dei componenti del gruppo.





Editoriale della Settimana

  • Il Bignami del vino

    di Daniele Cernilli 11/11/19

    Con parole semplici ma non inadeguate Cristiana Lauro prova a fare semplice divulgazione del vino...

Eventi

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL