La lezione di Decanter

di Daniele Cernilli 16/05/16
1294 |
|
La lezione di Decanter

So bene che molti fra i nostri lettori sono un po’ scettici riguardo ai concorsi enologici. Molto dipende dal fatto che i migliori produttori sono abbastanza restii a inviare i loro vini in manifestazioni del genere. Hanno già conquistato fama e mercati, non vedono l’utilità di affrontare ulteriori esami e ne vedono invece tutti i rischi. Tutto molto comprensibile. D’altro canto ci sono anche moltissimi, direi la stragrande maggioranza, di altre cantine che al contrario devono conquistarsi visibilità e legittimazione, e quei concorsi internazionali sono un’ottima passerella per poter farsi notare.

Io partecipo, ormai da sei anni, al Decanter World Wine Awards, detto DWWA, e devo dire che tutte le volte che vado devo constatare quanto gli amici e colleghi della rivista inglese Decanter siano efficienti nell’organizzazione e lungimiranti negli scopi. Mettere insieme ad assaggiare wine critic, Master of Wine, importatori, sommelier, commercianti, in modo che si possano confrontare concretamente e che affrontino e discutano insieme temi che vanno al di là del semplice gusto personale, è importantissimo per capire dove va il mondo del vino. Personalmente ho assaggiato con formidabili esperti di mezzo mondo vini veneti, piemontesi e dell’Italia del sud. Ho potuto capire i loro punti di vista, che sono stati sostanzialmente ripresi da un articolo di Jancis Robinson che invitava i produttori italiani a non copiare i francesi e ad utilizzare i vitigni locali.

A me è capitato di assistere a veri entusiasmi per un Fara, per un Grignolino d’Asti, per un Castel del Monte, ben eseguiti tecnicamente e davvero diversi dal mare magnum di omologazione che ancora si trova fra i vini del Nuovo Mondo. L’Italia riesce a esprimere un patrimonio di originalità e di diversità che non ha uguali, e tutto questo appare con grande chiarezza in manifestazioni del genere. Certo, poi tutto questo va realizzato con tecnica adeguata, brett, volatili, ossidazioni sono inconcepibili per la quasi totalità degli assaggiatori, e anche questo va tenuto in considerazione per evitare fughe in avanti. Ma rappresenta anche uno spaccato del mercato che conta.
Tutto comunque è pervaso da un atteggiamento curioso e interessato, da un’attitudine positiva, possibilista nei confronti di vini per loro nuovi, che possono avere un ruolo anche importante, se proposti a prezzi ragionevoli. Tutte cose non troppo difficili da capire, talvolta sorprendenti per la disponibilità con la quale si affrontano vini e tematiche, senza patetiche cadute in atteggiamenti provinciali o localisti, come qualche volta capita di assistere qui da noi, ma con un principio di realtà evidente e condivisibile.

Per questo voglio ringraziare pubblicamente gli amici di Decanter, e in particolare Steven Spurrier, Sarah Kemp e Christelle Guibert che sono stati in concreto gli organizzatori di un concorso che ha valutato 18.000 vini di tutto il mondo e ha visto quasi trecento giudici al lavoro in una location spettacolare come quella del Tobacco Dock di Londra. Sono stati davvero bravissimi.





Editoriale della Settimana

Eventi

Gennaio 2021
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
·
·
·
·
·
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
·
·
·
·
·
·
https://www.gruppoitalianovini.it/index.cfm/it/brand/tenuta-rapitala/
https://shop.doctorwine.it/prodotti/libri/vini-per-tutte-le-tasche-by-doctorwine

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL