Home page Chi siamo Autori Archivio Vini Archivio Cantine Archivio Ristoranti Archivio Articoli Link Contattaci Feed Rss
Pollenza
seleziona la lingua
Registrati alla Newsletter
Cerca nel sito
Ricerca Vini
Indice
» Firmato Doctor Wine
» Il Racconto
Degustazioni
Dai nostri inviati
Wine Community
Gourmet
Pot-Pourri
Guida
Nino_Franco
Falesco
Colle
Kellermeister | Pubblicato in DoctorWine N°7
Il piacere dei ricordi
di Kellermeister 04-07-2011


Il Vinexpo di Bordeaux è per noi appassionati un appuntamento importante, attendiamo con curiosità questo evento per poter assaggiare qualche nuova annata e scoprire qualche vino nuovo. Questo evento, che si svolge con cadenza biennale sulle rive del lago di Bordeaux, è anche un luogo di confronto con produttori, colleghi ed appassionati di tutto il mondo.

Durante i cinque giorni di manifestazione capita di imbattersi in qualche vino speciale, ogni tanto anche qualche chicca!
Dopo qualche assaggio dei vari vitigni del territorio, mi imbatto in un bicchiere che ancora adesso le mie papille gustative ricordano.
La forma del bicchiere è insolita per qualsiasi vino, un ampio tumbler basso con all’interno alcuni cubetti di ghiaccio e una fetta di limone.

Il produttore è anche un barolista, perciò penso al Barolo Chinato, ma ghiaccio e limone mi spiazzano.
Il colore ricorda un caffè lungo con delle sfumature ambrate e riflessi verdi. Il tutto molto denso.

Avvicino il bicchiere al naso. Una palestra olfattiva come poche volte mi è capitato di trovare.
Mi concentro e inizio a riconoscere qualche sensazione
Bene, questo è un vermouth, scusate, con la V maiuscola!

Assenzio in avanscoperta con un prosieguo di china, cardamomo, vaniglia e cannella. Poi ancora rosa appassita, buccia d'arancia candita accompagnata da una nota di agrumi e nel finale, tocco da maestro, il limone che rinfresca l'intensità olfattiva e allunga la persistenza.
Questo bicchiere valeva da solo essere qui!

Finalmente inizio a sorseggiarlo, felice come un bambino davanti ad un nuovo giocattolo. Le tante note speziate escono dal bicchiere a braccetto con i tannini dolci e la persistenza alcolica per nulla in eccesso.
Mi domando perché un grande prodotto come questo per molti è ancora tabù.
Poi mi ricordo di quello spot del " no .........., no party!" e sorrido.
L'ennesimo esempio della potenzialità del prodotto italiano!
Dall'altra, la conferma della forza della pubblicità.

La persistenza gustativa e' infinita e rimane il ricordo della complessità del frutto e delle spezie anche dopo molto tempo.
Da provare come aperitivo, come vino da conversazione e anche in qualche cocktail dove il grande Vermouth può migliorare Americano e Negroni.

Euro 12,00

Storico vermouth di Torino
www.cocchi.it

Commenti a questo articolo: 709 | Aggiungi il tuo commento
STAMPA LA PAGINA
Contatta the Doctor Wine CLICCA QUI!
Se invece preferite inviare una semplice mail,
ecco alcuni suggerimenti:


il DirettoreDoctorWine in persona :-)
daniele.cernilli@doctorwine.it
il CaporedattoreStefania Vinciguerra
shedoctor@doctorwine.it
la Redazione –
Iolanda Maggio
redazione@doctorwine.it
Per inserire il tuo banner pubblicitario nel portale
» contatta the Doctor White Andrea Bianchi



©2011/2013 DoctorWine Sviluppo web Altravia.com
Iscrizione al Tribunale di Roma nel Registro della Stampa
n° 71/2013 del 17 Aprile 2013
Home page Chi siamo Autori Archivio Vini Archivio Cantine Archivio Ristoranti Archivio Articoli Registrati Feed Rss