|Note di Degustazione

Note di Degustazione | Pubblicato in DoctorWine N°200

Sempre più Chianti Lovers

di Stefania Vinciguerra 07-03-2017

Non poteva essere dato un nome più appropriato all'anteprima del Chianti Docg che si è svolta a Firenze lo scorso febbraio. La manifestazione, infatti, è stata battezzata #ChiantiLovers e quest'anno, per la prima volta, dopo la mattinata dedicata esclusivamente a stampa e operatori ha aperto le porte anche al grande pubblico, riscontrando un successo enorme. 3.000 persone sono entrate nell'arco delle 5 ore a loro dedicate e la media dell'età era veramente di quelle che aprono il cuore: dovunque ci si girasse si vedevano giovani, allegri, sorridenti e soprattutto attenti.

Interessati a capire questo vino che in una manciata di anni è riuscito a svecchiare la propria immagine, tornando ad essere il bere quotidiano fresco e di grande bevibilità, adatto a gran parte dei piatti della cucina italiana, abbandonando per sempre le vesti del vino dei nonni.

Ape-Chianti

Bisogna davvero fare un plauso al Consorzio di tutela, che è riuscito a trovare le chiavi giuste per entrare nei cuori (e nei calici) dei giovani, complice l'ape rossa griffata Chianti che nei giorni precedenti l'anteprima si è mossa per le vie di Firenze e ha offerto uno speciale aperitivo con alcuni dei prodotti in anteprima in Piazza Santo Spirito a Firenze. Ma complice anche l'atmosfera niente affatto ingessata dell'anteprima, grazie anche al dj che ha allietato le bevute.

Che il Chianti goda di buona salute lo dicono i numeri diramati dal Consorzio: "produzione complessiva di circa 800 mila ettolitri, un valore che si aggira intorno ai 400 milioni di euro e 87 milioni di bottiglie in commercio. Il 70% è destinato all'export per i mercati quali Usa, Germania, Inghilterra e Giappone, con un'attenzione sempre maggiore al Sud America e all’Asia dove il Consorzio sta sviluppando nuovi rapporti commerciali. La filiera, di quella che ad oggi è la prima denominazione italiana di vini rossi fermi per produzione/commercializzazione, conta 3 mila operatori".

Degustazione-stampa-Chianti
Chianti-Lovers

Si potrebbe obiettare che il prezzo è ancora troppo basso per rendere la zona più chic, ma l'obiettivo del Consorzio è rimanere un vino alla portata di tutte le tasche, sebbene gli sforzi di tenerne alta la qualità sono evidenti anche nella nuova modifica al disciplinare di produzione, che ha puntato sulla diminuzione della quantità per ettaro (-10% dalla vendemmia 2017) spingendo sull'ammodernamento dei vigneti. L'altra modifica ratificata riguarda il residuo zuccherino, che sale a 4 grammi/litro. Per i nostri palati è sicuramente tanto e l'idea di un Chianti "dolcino" non ci piace molto, ma si tratta di una scelta squisitamente commerciale. "Con questa modifica – spiega Marco Alessandro Bani, direttore del Consorzio Vino Chianti – saremo ancora più competitivi nei mercati orientali, da sempre più sensibili a prodotti più morbidi". Il residuo vola ad est, insomma, noi italiani dovremmo rimanerne fuori.

Presentiamo alcuni assaggi random. Un solo 2016 e qualche 2015, sia Superiore, sia Rufina che - a mio parere - rimane sempre una delle sottozone d'elezione. Alle riserve 2014 ci dedicheremo in altri contesti.

Chianti 2016

Chianti Docg

Ruffino
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

70% sangiovese, 30% merlot, cabernet sauvignon e altre varietà ammesse. Affina in cemento. Primo Chianti ad essere esportato negli Usa (prima della Grande Guerra), ancora oggi è il portavoce della categoria all'estero. Centra l'obiettivo ...

Chianti Rufina 2015

Chianti Rufina Docg

Colognole
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Da uve sangiovese, breve passaggio in legno. Rubino brillante. Austero e accattivante. Fruttato intenso, con lampone e ciliegia, una leggera speziatura. Fresco e salino all'assaggio, ha i tannini ben integrati nel corpo del vino e una buona...

Vegante 2015

Chianti Superiore Docg

Sensi Vigne e Vini
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Prodotto secondo i dettami della filosofia vegana (con tanto di simbolo Qualità Vegana), cioè evitando l'uso di prodotti di derivazione animale nelle varie fasi di coltivazione, vinificazione e stabilizzazione del vino. Rubino trasparente...

Chianti Superiore 2015

Chianti Superiore Docg

Casale dello Sparviero
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

90% sangiovese  e 10% canaiolo. Affinamento 6 mesi in vasca. Colore rubino brillante e naso intenso, di frutta scura con un tocco di menta e una leggera sensazione di tabacco. Buona intensità e piacevolezza gustativa, bel finale. Trovando...

Chianti Rufina 2015

Chianti Rufina Docg

Villa Travignoli
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Sangiovese in purezza, matura 6 mesi in legno e 6 mesi in acciaio. Il colore è rubino brillante. L'olfatto è incentrato sul frutto con leggeri sbuffi floreali. In bocca è pieno, teso, di buon equilibrio, con un bel frutto che torna nel f...

Villa Migliarina 2015

Chianti Superiore Docg

Migliarina & Montozzi - Fattoria Migliarina
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

90% sangiovese, 10% canaiolo, affina circa 12 mesi in vasche di cemento. Rubino brillante. Appena contratto all'impatto olfattivo, si apre poi su note di frutto dolce e un tocco grigliato. La bocca è fresca e fruttata, con tannino accennat...

di Stefania Vinciguerra 07-03-2017