|Note di Degustazione

Note di Degustazione | Pubblicato in DoctorWine N°209

Come invecchia un Nobile

di Alessandra Ruggi 10-05-2017

Come invecchia un Nobile vino nobile di montepulciano doctorwine

Intrigante retrospettiva sul Vino Nobile di Montepulciano: 10 vini scelti tra l'annata 1967 e la 1999 per capire le capacità di invecchiare di questo "nobile" vino.

Il sangiovese è un vitigno da primato di longevità.

Essere i testimoni della vita di un vino, capire se si è vinta la scommessa del giudizio anzi tempo, è il sogno di ogni degustatore appassionato e anche un po' malato di vino. Il Consorzio del Vino Nobile, nella meravigliosa nuova enoteca consortile all'interno della Fortezza di Montepulciano, ci ha permesso di rispondere all'annosa e intrigante questione su come invecchia un nobile. Ha messo in fila dieci annate di Vino Nobile dal 1967 al 1999 e il risultato è stato incredibile, per non parlare dell'emozione.

Partiamo dal cinquantenne Contucci 1967. Gianni Fabrizio, curatore della guida Vini d'Italia del Gambero Rosso, esordisce: "Negli anni '60 le aziende vinicole in Toscana erano veramente poche. Fino a metà degli anni '70 erano solo cinque o sei i produttori, tra famiglie nobili e vecchi imprenditori, per cui il vino era già un business: in Italia non c'è una storia di commercio del vino prima degli anni Settanta, mentre in Francia c'era da secoli". Il 1967 è la seconda annata dall'uscita della doc Vino Nobile di Montepulciano. I vini erano il frutto solo della fermentazione alcolica mentre la malolattica non si svolgeva. Non c'erano enologi, le rese erano più alte e i vigneti avevano pochi ceppi per ettaro, meno della metà di oggi. Gli affinamenti duravano anni fino a sette o otto anni in botte grande.

In questa cornice è più facile comprendere il Contucci 1967, rara occasione di poter ammirare un colore mattonato ancora brillante. È un vino decadente che chiama gentilezza anche nei consueti gesti che accompagnano la degustazione, viene spontaneo girarlo dolcemente per evitare che perda i deboli aromi che ancora mantiene. Sentori eterei, funghi secchi, sottobosco e note di rabarbaro e carruba. Stupefacente ancora la sua viva acidità e la morbidezza dei tannini in un tempo in cui non esistevano i microssigenatori. è un'esperienza da fare, non giudicabile numericamente quasi per rispetto.

Seguono descrizioni e giudizi sugli altri vini che mi hanno colpito. Per ovvi motivi, non indichiamo i prezzi. Sono tutti vini fuori commercio, in alcuni casi non disponibili neanche presso le aziende stesse. Eventualmente rintracciabili in scambi tra privati.

Vino Nobile di Montepulciano Riserva 1982

Vino Nobile di Montepulciano Docg

Boscarelli
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Diatriba ancora aperta tra il millesimo 1982 e 1983. L'82 è stata una gran bella annata più tannica dell'83, come mi conferma anche Nicolò De Ferrari Corradi, armonica anche se la sua evoluzione è stata più rapida. Un intenso granato c...

Vino Nobile di Montepulciano 1988

Vino Nobile di Montepulciano Docg

Avignonesi
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Gianni Fabrizio continua: “tra il 1982 e il 1988 c'è stato un salto qualitativo enorme: il vino italiano è migliorato dopo lo scandalo del metanolo”.Molto intenso il naso giocato su note preponderanti di cuoio e animale, poi cioccolat...

Vigneto Caggiole 1988

Vino Nobile di Montepulciano Riserva Docg

Poliziano
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Stilisticamente molto diverso dai Nobili prodotti oggi dall'azienda, un vino che precede l'arrivo dell'enologo consulente Carlo Ferrini da Poliziano. Affinamento solo in botte grande. Naso complesso su note di tabacco e sigaro, frutta sotto...

Vino Nobile di Montepulciano 1995

Vino Nobile di Montepulciano Docg

Salcheto
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Negli anni Novanta arrivano i primi vitigni internazionali. Prima il sangiovese era assemblato con le varietà locali. Il 1995 ha dato vini molto longevi, in molti casi più del blasonato millesimo 1997.Il naso si rivela più maturo con not...

Vino Nobile di Montepulciano 1999

Vino Nobile di Montepulciano Docg

Bindella
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

È stato dimostrato che il 1999 invecchia molto bene e questo vino ne è un'ulteriore conferma. Rubino granato, naso fruttato maturo marmellata di susine e prugne, note di cuoio trattato, note animali, sottobosco, muschio, lievissima tostau...

Vigna d'Alfiero 1999

Vino Nobile di Montepulciano Docg

Tenuta Valdipiatta
Punteggio - Regione Toscana
Categoria Rosso Nazione Italia

Rubino tendente al granato, naso intenso attraversato da note quasi medicinali, di terra bagnata, muschio, grafite e mentolate. Bocca decisa, austera, tannino asciugante sul finale. Ancora una gran vita davanti.

di Alessandra Ruggi 10-05-2017