|In giro per cantine

In giro per cantine | Pubblicato in DoctorWine N°170

Marramiero e la notte dei jeroboam

di Iolanda Maggio 11-08-2016

Bellissima serata quella trascorsa qualche settimana fa al ristorante Tordomatto di Adriano Baldassarre, da poco trasferitosi nella capitale da Zagarolo, dove è stato per anni un baluardo della buona cucina laziale. Stelle della serata i vini della cantina abruzzese Marramiero tutte in formato jeroboam, presentate da Enrico Marramiero in persona con l’enologo Romeo Taraborrelli. I vini di grande personalità insieme al menù studiato sapientemente hanno reso la cena conviviale e piacevolissima.

20160623_211527

Ma veniamo alla storia dell’azienda Marramiero. La cantina si trova nella Masseria  Sant’Andrea, a Rosciano, nel cuore dell’Abruzzo, su una collina a 270 metri sul livello del mare. Da più di cent’anni, la famiglia Marramiero si dedica alla coltivazione di vitigni principalmente autoctoni come il montepulciano e il trebbiano, insieme ad altre varietà internazionali.  I vini Marramiero sono il frutto della storia in cui si incontrano e si fondono l’amore per la terra e l’attenzione per il progresso, l’attaccamento al lavoro e il rispetto dei più antichi processi di vinificazione ma con l’impiego di moderne tecnologie.

L’antico nome dell’azienda era Fonte Fumante perché all’interno della tenuta un tempo c’era una fonte sulfurea, ora esaurita, che ha ispirato la maggior parte dei nomi dei vini dal sapore dantesco, tranne che per il bianco Altare. La “leggenda narra” infatti che qui in un’antica barricaia, assaggiando per la prima volta il Trebbiano (il primo imbottigliamento risale al 1994) si siano tutti inginocchiati come davanti ad un altare… da cui il nome del vino.

Tra i vini assaggiati la bollicina Marramiero Brut 2006, il bianco da uve trebbiano Altare 2005, il rosso Inferi 2001 da uve montepulciano e la chicca finale, il Livia, un vino cotto realizzato seguendo la tipica ricetta tradizionale abruzzese.

Immagine

Altare 2005

Trebbiano d’Abruzzo Doc

Marramiero
Punteggio - Regione Abruzzo
Categoria Bianco Nazione Italia

Da uve trebbiano da un vigneto di oltre 40 anni a rese bassissime. Fermentazione e 18 mesi di maturazione in piccole botti di rovere nuove. Colore giallo dorato intenso e luminoso. Al naso è ampio e intenso di alloro, erbe di campo, camomi...

Inferi Riserva 2001

Montepulciano d’Abruzzo Doc

Marramiero
Punteggio - Regione Abruzzo
Categoria Rosso Nazione Italia

Da uve montepulciano da un vigneto selezionato. Matura per 14-18 mesi in botti di rovere francese e slavo di primo passaggio. Colore rosso rubino scuro, impenetrabile. Al naso offre profumi intensi con note vanigliate, poi marasca, tabacco ...

Vino cotto Livia

Marramiero
Punteggio - Regione Abruzzo
Categoria Dolce Nazione Italia

Il vino cotto è una tradizione tipica abruzzese che si tramanda dal X secolo a.C. e che rischiava di scomparire. Il mosto viene  cotto a fuoco diretto in una caldaia di acciaio inox e con un attento controllo della temperatura. Così face...

di Iolanda Maggio 11-08-2016