|Buon Perlage!

Buon Perlage! | Pubblicato in DoctorWine N°224

Les Crayeres, il primo champagne parcellare di Marguet

di Chiara Giovoni 01-09-2017

benoit marguet champagne les crayeres doctorwine

Grazie a microvinificazioni separate, Marguet realizza 4 champagne, di cui Les Crayères è il primogenito, sobrio e affilato.

Nel territorio di Ambonnay, Benoit Marguet è il discendente di una antichissima famiglia di viticultori, con la piccola Maison di champagne Bonnerave Frères divenuta in seguito Marguet-Bonnerave e oggi Marguet. Nei quasi 8 ettari di proprietà nel celebrato villaggio Grand Cru della Montagne de Reims, coltiva le viti di età media di circa 40 anni secondo l'agricoltura biodinamica con l’aiuto di due cavalli, e per completare i suoi assemblaggi compra uve sempre biologiche da amici coltivatori come Laval, Leclapart e Lahaye.

Per valorizzare il suo prestigioso patrimonio di vigneti di Ambonnay nei lieux dits Les Saints Remys, Les Beurys, LesCrayères, La Grande Ruelle, Les Bermonts, Le Parc - cui si aggiungono 0,70 ha nel Grand Cru di Bouzy (Les loges) - Benoît Marguet produce pochissime bottiglie di cuvée dedicate a singole parcelle, che portano appunto il nome dei lieux dits di provenienza (ovvero i toponimi).

Grazie a microvinificazioni separate realizza 4 champagne: Les Crayères (il primo nato), La Grande Ruelle, Les Bermonts e Le Parc. La vinificazione avviene in foudre e tonneau, dimensioni che consentono di gestire le singole fermentazioni riducendo al minimo l’uso della solforosa, e di completare la fermentazione malolattica.

Les Crayères è stato il primo Champagne parcellare vinificato da Marguet e, con la sua tiratura limitata a 2.072 bottiglie per l'annata 2011, è indubbiamente un paradigma interessante per comprendere la filosofia di questo giovane e ambizioso vigneron.

Les Crayères Grand Cru 2011

Champagne Aoc

Marguet
Punteggio - Regione Champagne
Categoria Spumante Nazione Francia

Assemblaggio con 55% di pinot noir e 45% di chardonnay, da vigne piantate tra il 1965 e il 1970. Dopo la fermentazione in legno per circa 9 mesi è stato messo in bottiglia il 16 luglio 2012 e sboccato come Brut Nature dopo 44 mesi sui liev...

di Chiara Giovoni 01-09-2017